Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

sabato 26 agosto 2017

Rogers: La prossima sara’ la piu’ grande crisi delle nostre vite


Jim Rogers e’ un altro famoso investitore che abbiamo gia' incontrato in passato. Se ricordate e’ famoso per il suo interesse nel settore agricolo e anche lui pensa (e chi non lo pensa?) che l’Asia sia il futuro, Vede bene la Cina, la Russia, anche alcuni paesi africani. Nel video alla fine gli chiedono cosa cambierebbe della sua vita e dice “ma perche’ non sono rimasto in Cina negli anni ’80 invece di andare ad Oxford!”. 


L’intervista e’ nella sede singaporegna di BullionStar in cui sono passato anch’io un pajo di anni fa, all’inizio si intravvede il portellone della loro camera blindata nel retro del negozietto :D 

Rogers dice che oggi come oggi vede nelle crisi cinesi delle opportunita’, proprio come nella parola cinese per crisi che significa anche opportunita’ appunto: Wei Gi. Oro? Ogni persona dovrebbe avere un po’ di oro e argento, dice, come assicurazione. Secondo lui questo e’, un’assicurazione. Come quella dell’auto, speri che non ti servira’ mai ma e meglio averla... anche perche’ e’ da un po’ che anche lui ripete in giro per il mondo che "la prossima crisi sara’ la piu’ grande della sua e nostra vita”. Gli chiedono se pensa che ci sara’ uno sconnessione fra il prezzo “di carta” dell’oro e quello dell’oro fisico, reale e dice che “no .. perche’ in una vera crisi i mercati saranno chiusi e quindi non ci sara’, semplicemente, un prezzo ufficiale di riferimento ma solo quello della strada”. Perche’ sono in Asia si comprano, sostanzialmente, metalli preziosi? Ma perche’ in occidente siamo tutti sommersi di debiti, non ci sono i soldi, dice, i soldi ora sono in Asia. Dice che non compra sostanzialmente oro dal 2010 (Marc Faber diceva nell’intervista dell’altro giorno che la maggior part del suo oro lo aveva preso intorno ai 300 usd/oz ma che comunque ne compra sempre un po’ ogni tanto) ma spera ancora di potere farne una bella incetta se dovesse arrivare a scendere sotto i 1000 usd/oz. Comunque anche se sotto i 1000 non ci si arrivera’ ne ha gia’ una bella scorta. Quando ci sara’ il panico generalizzato anche l’oro andra’ in bolla (e li sara’ il momento di venderne almeno un po' immagino) perche’ quando crolla la fiducia nei governi e nel denaro fiat la gente si butta a comprare oro e argento, non dico che faccia bene o male, dice, ma la gente fa cosi’. Magari poi invece la crisi non ci sara’, dice ... ma comunque avere un po’ di oro e argento non fa mai male, mal che vada lo lasci ai tuoi figli e nipoti, vedrai che un gran dispetto non glielo avrai fatto ;D

---

Su Rogers c’e’ da dire che era socio di George “Jabba the Hutt” Soros nel famosi Fondi Quantum:

The Quantum Group of Funds are privately owned hedge funds based in Curaçao (Netherlands Antilles) and Cayman Islands. They are advised by George Soros through his company Soros Fund Management. Soros started the fund in 1973 in partnership with Jim Rogers. The shareholders of the funds are not publicly disclosed although it is known that the Rothschild family and other wealthy Europeans put $6 million into the funds in 1969.[1] 

Fondi creati da Soros e Rogers alle Cayman ... in cui fluirono anche soldi dei nientemeno che la famiglia Rothschild ed altri ricchi europei sin dal 1969 ...

In 1992, the lead fund, Soros' Quantum Fund, became famous for 'breaking' the Bank of England, forcing it to devalue the pound. Soros had bet his entire fund in a short sale on the ultimately fulfilled prediction that the British currency would drop in value, a coup that netted him a profit of $1 billion, [2] also known as Black Wednesday. In 1997, Soros was blamed for forcing sharp devaluations in Southeast Asian currencies. [3] 

Della famosa speculazione miliardaria di Soros contro la Lira, della sua immensa scommessa sulla incapacita’ della Lira di restare nel range limitato di oscillazione rispetto alle altre divise europee decisa dal proto-euro (SME) contro la quale il caro (in ogni senso) Carlo Azeglio Ciampi brucio inutilmente e pervicacemente tutte o quasi le riserve valutarie di BankItalia, su Wiki in inglese manco ne parlano, si concentrano solo sulla sua speculazione contro il Pound, sempre in quel famoso 1992, e poi contro altre valute asiatiche qualche anno dopo ... credo che, by the way, sia per quello che su di lui pende una pena di morte (!) in qualche paese asiatico, non ricordo se la Malesia o che.

In July 2011, to avoid having to register with the SEC [4] and comply with reporting requirements under the Dodd-Frank reform act, the Quantum Fund announced they would be turning the fund into a family investment group and returning all outside money to investors by the end of 2011. This decision contrasted with Soros’ previous advocacy for government and corporate transparency. [5] The fund is now exclusively managing Soros' family money. [6]

Nel 2011, per evitare di doversi registrare con la SEC americana e fornire documenti sulle sue attivita’, il Fondo Quantum e’ stato modificato in veicolo familiare si Soros, alla facciaccia di tutti i suoi proclami di trasparenza delle corporations e capacita’ di controllo statali.

E con questo abbiamo fissato anche un altro punto, il legame, di vecchissima data, fra Soros (ebreo) e la dinastia Rothschild (ebrei). 

By the way, leggevo, non ne avevo mai sentito parlare, che ad un certo punto il capoclan dei Rothschild decise di imporre al resto della famiglia di sposarsi e figliare solo entro la famiglia, fra cugini, in modo da non disperdere gli ingentissimi capitali accumulati soprattutto a partire dagli anni delle guerre napoleoniche. ... :O .. Forse per questo l’attuale boss del clan somiglia cosi’ tanto al capostipite della dinastia di fine ‘700? 



Immagine complottista :D ... ecco a chi si sono ispirati per il Sig. Burns dei Simpson! 




Nessun commento:

Posta un commento