Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

giovedì 24 agosto 2017

Armstrong: Oro

Mmmmmm..... Ci sono cose di Armstrong che non mi piacciono esageratamente e mi domando se e’ il miliardario che e’ che bisogno c’e’ di vendere i suoi servizi? Potrebbe avere il suo perche’, una questione di “giustizia”, non regalare le sue perle .. comunque ora lascia “trapelare" questo sul suo blog (e non nelle pagine riservate ai sottoscrittori del suo Socrates, il suo supercomputer dai superdatabase storici :D):


QUESTION: Mr. Armstrong, looking at the analysis of Socrates on gold we see that the Momentum is bullish, trend is bullish, cycle trend is bullish, but Long term is bearish, how does that square with your call that Gold is going up to $5,000.00 when the long term is bearish.
Thank you. 
ANSWER: Looking very long-term is different from the relevant time frame. Gold has not broken out and I have given the number where that becomes a possibility. We are not yet there. Events on the horizon are the critical issue. The world is not ready yet and the stock market also reflects this pending threshold. Socrates comment is thus concerned with the immediate outlook and until gold gets through key points, there is no breakout. The extreme target is not due on this cycle but the next.

Un lettore gli chiede: "come mai, visto che Socrates da rialzista l’oro come momentum (tipo inerzia sarebbe), come trend e come trend di ciclo, viene dato a lungo termine come ribassista? Come si inquadra questa visione ribassista a lungo termine con la tua “chiamata” dell’oro sui 5000 usd/oz?”

Martin risponde sempre un po’ ambiguo: “Guardare al lungo periodo cambia a secondo del momento (che non e’ il momentum inglese ;D). L’oro deve rompere quel livello che ho indicato (secondo me potrebbe essere lo stesso di cui parlava l’anno scorso, circa 1365 usd/oz.. ma ovviamente non lo so per certo visto che non sono abbonato). Non ci siamo ancora. Dipende da cosa succedera’ prossimamente. Il mondo non e’ ancora pronto e anche il mercato azionario pare un po’ indeciso. Socrates si concentra sul breve e sino a quando il livello detto non sara’ infranto.. non sara’ infranto (grazie! :D).” Poi spara questa frasetta: “il target massimo non sara’ in questo ciclo ma nel prossimo”. 

Mah!

Cosi’ ve lo volevo dire visto che non so bene dire perche’ ma ultimamente il “ragazzo”, il signor BraccioForte mi ha catturato, mi sa un po’ di sibilla cumana :D

Poi chissa’. Magari ci conviene sperare che i nostri metalli non salgano mai cosi’ tanto perche’ significherebbe niente di buono... anche se visto il frangente storico in cui viviamo, come sapete, non mi aspetto grandi reali ragioni per essere ottimisti e un'assicurazione, almeno parziale in metalli nobili, fisici e conservati fuori dal sistema bancario mi pare forse anche doveroso.

6 commenti:

  1. “È difficile fare previsioni, soprattutto sul futuro”

    RispondiElimina
  2. “Guardare al lungo periodo cambia a secondo del momento.... L’oro deve rompere quel livello.... Non ci siamo ancora.... il target massimo non sara’ in questo ciclo ma nel prossimo”

    Le tempistiche sono ostiche per tutti, anche il Braccione non fa altro che buttare avanti la palla per tardare la previsione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, veramente e’ da mo che lui parla di 2018-2023 come arco di tempo di particolari sconvolgimenti. ...

      Stavo pensando alla sua idea - che come dicevo mi convince da un po’ - che il dollaro crollera’ quando tutti correranno nel dollaro, crollera’ quando sara’ un SUPERDOLLARO, non un dollarino svalutato.

      Vedi oggi: Yellen dice un cazzo a Jackson Hole e il dollaro giu’ e l’EURO su, a 1,19 (max da due anni e mezzo). Non e’ questo lo scenario del crollo del PetroDollaro Divino e Moneta di Riserva Globale.

      QUINDI

      secondo il suo ragionamento l’oro salira’ a 4-5000 usd quando ci sara’ il superdollaro. Questo significa che per i NON Dolaro-dotati come noi ci sara’ un picco anche superiore, i 4-5000 PIU’ la svalutazione dell’EURO o quel che sara’. Allargando la sua narrazione allora potrebbe essere che nel giro di non troppi anni si arriverebbe a, che so, oro a 6-7-8mila euro .. o a 10-12mila neolire :O ;D ....

      Elimina
    2. Questo è uno dei punti dove discordiamo.

      Per me il superdollaro è già attuale per un motivo: gli USA sono sopravvalutati nel mondo. Appena l'oro si schioderà dal suo andamento laterale (laterale siccome è un raschiamento del fondo del barile) tutte le valute riceveranno la fiducia che meritano (e ci sono troppi dollari nel mondo, come ce n'erano troppe di sterline prima delle due guerre).

      E Penso che sto evento possa capitare tra 20 anni come pure domani.

      Elimina
    3. Mmmm... saperlo prima! :D

      Non so, possibile che vada come dici tu. Sicuramente, da un punto di vista del potere d’acquisto, il Dollarone della Fed e’ sopravvalutato. Ma come l’SP500 e il Nasdaq non e’ detto che nn potranno essere ANCORA PIU” SOPRAVVALUTATI di quanto non siano gia’ ora!

      Non e’ chiarissimo cosa immagini il buon Armstrong, ma l’effetto sarebbe-sara' che tutto il mondo correrebbe-correra' nel dollaro, visto come ultima forma di “sicurezza” (!!!). Lui fa un discorso di Impero che crolla: prima la periferia (eurozona? altre periferie dell’impero, piu’ o meno dollarizzate?), e da questo la corsa verso il centro dell’impero, non so cosa immagini ma probabilmente tutti a comprare l’azionario USA e avere cash in dollari... come dice lui solo un SuperDollaro lo fara’ schiantare come valuta di riserva globale, cosi’ come un supereuro non fa bene a nessuno in Europa. Nel mondo attuale, come detto 1000 volte, e’ una corsa a SVALUTARE la propria divisa. In questo senso Trump sta avendo successo :D... comunque Braccioforte raccomanda tutti di avere cash per almeno un mese e preferibilmente cash in USD, per l’appunto (visto che le altre divise crolleranno prima).

      Cheddire, lo sa lui nella sua testa che vede! ... noi dovremo solo aspettare e vedere come vanno le cose, sperando di esserci preparati all’impatto correttamente

      Elimina