Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

lunedì 8 maggio 2017

Bloomberg: La rotta delle commodities non dovrebbe essere presa alla leggera


Bloomberg - Commodities Rout Shouldn't Be Taken Lightly
The market is signaling something ominous about the state of the global economy. 
By almost any measure last week was a bad one for commodities, as practically every part of the market lost value. West Texas Intermediate crude oil fell under $44 per barrel, Brent crude broke below $50 per barrel and copper tested $5,500 per metric ton. In China, coal and iron ore tumbled. Gold, the supposed ultimate haven, dropped to almost $1,225 per ounce. (...) 

Stanno crollicchiando un po’ tutte le commodities, dal petrolio (vedere correlazione con l’oro) al rame, al carbone all’acciaio. Questo non racconta una bella storia sullo stato dell’economia globale.

E, aggiungo io, in un mondo servo del debito, in cui la crescita e’ stata pompata per decenni con sempre nuovo debito, spells disaster, non preannuncia niente di buono ... e non sto parlando dell’oro, per quanto .. vedi discussioncina con Cardena’:



Nessun commento:

Posta un commento