Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

lunedì 30 novembre 2015

WSJ: Il Ministero del Tesoro USA dice che a vendere il petrolio di ISIS e' Assad



Incredibile ma vero: il Wall Street Journal riporta quello che dice il Ministero del Tesoro USA: A vendere il petrolio di ISIS sarebbe ... rullo di tamburi ... Assad! 

Potete ridere


Beh, dai, non e' cosi' assurdo ... anch'io faciliterei chi mi spara addosso fornendogli soldi per comprare nuove pallottole e bombe da buttarmi addosso. 

Non ho dubbi che in molti la prenderanno anche come una reale possibilita' se non oro colato di pacca. 

Durden: ISIS Oil Trade Full Frontal: "Raqqa's Rockefellers", Bilal Erdogan, KRG Crude, And The Israel Connection


Ricostruzioni varie raccolte dai Tylers su come farebbe ISIS ad esportare petrolio. I curdi iraqeni esportano attraverso la Turchia perche' il governo centrale li froda sulle vendite di petrolio. ISIS mischierebbe le sue scorte con quelle curde al mercato nero di Zacho, posto che a confronto la Tangeri di Burroughs doveva essere un posto tranquillo di villeggiatura. Il petrolio arriverebbe poi ai terminali a sud di Ceyhan, Mersin e Dortyol, sempre in Turchia, e caricato sulle petroliere. 

Poi da li sarebbe "pulito" passando dal porto Israeliano di Ashdod e/o attraverso travasi da petroliera a petroliera dalle parti di Malta. 



Altri reportage dei Tylers che sarebbero tutti da tradurre:

Durden: Vendite per il Black Friday giu' del 10% rispetto ad un anno fa


Avevo sentito qualche "giornalista" parlare di ripresona USA, meno file magari nei negozi per il Black Friday (Giorno del Ringraziamento e SUPERSCONTI nei megastore, altra cosa non detta, ecco perche' c'e' usualmente la ressa e gente che si picchia per un gadget elettronico del cazzo) perche' ormai la gente compra online ... 

Durden: L'oro cala sotto un "livello cruciale", ai minimi da ottobre 2009

With the world closest to World War 3 since the cold war era and Russia about to unleash escalating sanctions of Turkey, it makes perfect sense that 'investors' would want to purge themselves of precious metals. Someone decided that Friday after Thanksgiving would be the perfect time to dump over 18,000 contracts (around $1.9 billion notional) sending the price of gold futures to their lowest since Oct 2009, below what Goldman called a "crucial level."
Over 18000 contracts dumped...

Sending gold futures prices to Oct 2009 lows...


Durden: la prima base militare cinese in Africa sorgera' a Gibuti


.. e i cinesi si stanno comprando la loro prima base navale militare in Africa, a Gibuti
(...) As we outlined back in May, China is negotiating a military base in the strategic port of Djibouti. 
Why Djibouti? So China can have a bird's eye view of everything that happens at the Bab el-Mandeb Strait: one of the top 5 oil choke points in the world (from the EIA):"An estimated 3.8 million bbl/d of crude oil and refined petroleum products flowed through this waterway in 2013 toward Europe, the United States, and Asia, an increase from 2.9 million bbl/d in 2009. 
Oil shipped through the strait decreased by almost one-third in 2009 because of the global economic downturn and the decline in northbound oil shipments to Europe. 
Northbound oil shipments increased through Bab el-Mandeb Strait in 2013, and more than half of the traffic, about 2.1 million bbl/d, moved northbound to the Suez Canal and SUMED Pipeline." (...) 

No, no ... il fatto che sia su una rotta fondamentale del petrolio - risorsa chiave della nostra civilizzazione cosi' come la conosciamo - e' puramente casuale


Mark Twain nei laboratori di Nikola Tesla (Primavera 1894)



Durden: In origine la Statua della Liberta' doveva rappresentare una donna araba


Incredibile? Eppure. Era stata pensata per essere piazzata all'ingresso del canale di Suez. Rifiutata fu riadattata e regalata agli americani. 




domenica 29 novembre 2015

Violazioni aeree turche dello spazio aereo greco: 2244 nel solo 2014


Blondet: L’Italia in guerra? Ma non ha niente da mettersi

(...) Sempre sul Corriere Lorenzo Bini Smaghi, il banchiere, membro in passato della banca centrale europea – ricorda “Jean Monnet, uno dei padri fondatori dell’Unione”, che diceva sempre: L’Europa si farà attraverso le crisi o non si faràNelle nostre democrazie ci vuole spesso una crisi per far capire ai cittadini che il sistema di governo nazionale non è più in grado di affrontare i problemi, e deve cedere sovranità – o piuttosto condividerla – a livello europeo” 
Non è solo il mantra ripetuto sempre dai privilegiati globalisti, da Monti e Padoa Schioppa; è anche questo un segnale.  
Il segnale che, abbia o no conosciuto in anticipo e magari favorito l’attentato a Parigi, quella che lorsignori chiamano “Europa” è ben contenta di cavalcarla fino alle ultime conseguenze pur di far avanzare il Progetto.  
Già Jean Monnet stava tramando negli anni ’50 un “esercito europeo”: De Gaulle lo sventò, dicendo che solo un capo di stato nazionale, poteva ordinare ai suoi cittadini di versare il sangue; non dei burocrati senza-patria o dei banchieri che volevano fondere armate come fanno “fusioni-acquisizioni aziendali”.

Fino a pochi giorni fa, l’la UE si stava sgretolando, la Commissione ha dimostrato la più ridicola incapacità a gestire i migranti (chiamati dalla Merkel), gli acquisti di titoli della Bce non hanno bloccato la deflazione, nessuno sa più cosa fare per frenare il gelo depressivo, una spaccatura anti-Putin contro pro-Putin si profilava tra Nord-Est e Sud-Est, la Finlandia in rovina economica causata dall’euro stava pensando di uscirne dalla moneta comune, gli inglesi, sondati, vogliono uscirne a maggioranza; l’euro ha sprofondato nella miseria e disoccupazione tutta l’Europa del Sud.

Berlino (o Frankfurt) non sapeva più quale scusa trovare per consentire a Hollande di sforare il ‘patto di stabilità’ e permettergli il ridicolmente alto deficit dei conti, senza concedere però altrettanto ad altri paesi non meno meritevoli di manica larga.

Adesso gli eurocrati cavalcano, con le più rosee speranze, l’allarme (...) 

La Francia ha approfittato degli attentati di Parigi per presentare all’Onu un proprio progetto di risoluzione, in concorrenza con quello di Mosca che avrebbe obbligato a dichiarare guerra al terrorismo islamico senza condizioni; Mosca ha accettato per non creare divisioni all’interno del Consiglio di Sicurezza. “Se ne pentirà – dice un alto ufficiale francese – come ha dovuto pentirsi di lasciar passare la risoluzione 11973m del 17marzo 2011, immediatamente brandita dalla Francia e dall’alleanza islamo-atlantica per attaccare la Libia”. 
Questa seconda risoluzione, la 2249 “sospende la sovranità di Siria e Irak, perché non menziona i loro governi né la necessità di associarli a quello che altri faranno sul loro territorio nazionale. I paesi che ne avranno i mezzi sono incoraggiati a sferrare campagne militari ‘nelle zone controllate dall’ISIL in Irak e Siria’ ignorando totalmente i due paesi, i loro governi e le loro frontiere. A metter le cose in chiaro, l’ambasciatrice degli Usa all’Onu Michele Sison, nel suo discorso dove ha spiegato perché votava questa risoluzione , ha menzionati ripetutamente l’urgenza di procedere a un cambiamento di regime in Siria” 
Da cui si vede che Mosca gioca con lealtà, e l’”Alleanza Islamo-atlantica ” con le carte truccate. No, Hollande non s’è alleato con Putin. Continua a fare il gioco dell’America. Obama ha dato ragione ad Erdogan per l’abbattimento dell’aereo. Gli Usa sono “in collasso economico strutturale” , e nella sua esperienza storica di guerre suggerisce a Washington che un conflitto bellico è quel che ci vuole per “mettere il turbo al Pil”. (...) 
leggi tutto - merita - da Blondet

venerdì 27 novembre 2015

Jansen: I segreto delle sette sorelle (1 di 4)

Ma vedi che vi ho trovato! Un documentario postato dal nostro amico Koos Jansen su "i segreti delle sette sorelle". 

Con buona pace di quelli che "il petrolio e le risorse non c'entano un cazzo, pirla!"

Prima parte di 4

giovedì 26 novembre 2015

Anarcontabile: Ai prezzi correnti, 12 stitici miliarduzzi scarsi comprano la produzione mondiale annuale di argento (!)

ripetitivo come un vecchio rincoglionito, lo so, ma, per i nuovi avventori del locale, giova ricordare che

A settembre 2014, dati BanKitaglia, le attivita FINANZIARIE (cioe esclusi gli immobili) degli itagliani ammontano a 3904 miliardi di euri

Secondo il Silver institute la produzione ANNUALE MONDIALE di argento nel 2014 ammonta a 877,5 milioni di once

877,5 milioni di once * 13,4 eur/oncia = 11,76 miliardi di euri

cioe, AI PREZZI CORRENTI, 12 stitici miliarduzzi scarsi comprano LA PRODUZIONE ANNUALE MONDIALE DI ARGENTO

ovvero

3904/11,76= 0,33%

e cioe' un misero 0,33% della ricchezza mobiliare dei SOLI ITALIANI PROSCIUGA L'INTERO MERCATO MONDIALE ANNUALE DI ARGENTO
si parla di argento FISICO, of course, non di carta, promesse, bit, o cazzo di "certificati" (chiamateli pure certificati di confisca)

qui si parla di matematica, e di fisica


ovviamente nel discorso entrano poi disinformazione, propaganda, manipolazione dei "mercati", truffa, crimini del "potere" nonche' dabbenaggine inesauribile di investitori e normali cittadini

ed essendo il mercato dell'argento un SISTEMA COMPLESSO,
ne rimangono sostanzialmente imprevedibili dinamiche e prezzi

nondimeno e' utile ogni tanto rimettere i piedi per terra
e ricordare di cosa stiamo parlando



St.Angelo: 2015 nuovo probabile record storico di vendite di Silver Eagle (e Maple Leaf canadesi)


Vendite di Silver Eagle USA ai massimi di sempre quest'anno .. anche nonostante i "razionamenti" degli ultimi mesi e la chiusura delle vendite di Eagle 2015 all'11 dicembre
(...) Currently, the U.S. Mint has sold 43.8 million oz (Moz) Silver Eagles with three weeks remaining for sales to their Authorized Dealers. Here is the U.S. Mint memo sent to its Authorized Dealers (from article quoted above): 
“This is to inform you that the United States Mint will continue to produce 2015-dated American Eagle Silver Bullion Coins through the week of December 7, 2015. 
Accordingly, we anticipate our last American Eagle Silver Bullion Coin allocation of the year to be on Monday, December 14, 2015. The final allocation is expected to be standard size so please plan accordingly. 
The U.S. Mint will begin taking orders for the 2016 American Eagle Silver Bullion Coins on Monday, January 11, 2016.” 
If we assume the U.S. Mint will provide about 1 Moz of Silver Eagles for the next three weeks, total sales will nearly reach 47 Moz. 
I would assume sales of the Royal Canadian Mint Silver Maple Leafs will also hit a new record of 30+ Moz.

Earth from above: The End of Oil

Francesi a bombardare la Siria, britannici a ruota ... ma ... una volta non ci voleva almeno una risoluzione dell'ONU prima di invadere e bombardare un paese?


Zero Hedge - "The Redcoats Are Coming!" Britain Moves Closer To Launching Anti-ISIS Airstrikes In Syria

Allora, i francesi avevano gia' fatto partire la loro portaerei la mattina del giorno degli attentati, leggevo, e son la che bombardano .. i turchi, gli americani, tutti che volano sui cieli di quel paese a tiramento unilaterare di culo ... mo anche gli inglesi ... 

Ma, pare a me, a gli unici che hanno un mandato per volare nei cieli della Siria sono i russi, chiamati dal governo del paese? 

Nessuno ha notato che stanno tutti a parlare di andare la a bombardare (e ovviamente i "nostri" bombardamenti non uccidono mai donne, bambini, innocenti vari), se non lo fanno gia', senza nemmeno accennare a nessuna cazzo di risoluzione dell'ONU che gli dia uno straccio di mandato? 

Pare a me o almeno una volta si parlava di passare dall'ONU prima? 

Cosi, eh, correggetemi se sbaglio


PS: Zero Hedge - Meet The Man Who Funds ISIS: Bilal Erdogan, The Son Of Turkey's President (Vi presentiamo l'uomo che ha fondato ISIS: Bilal Erdogan, il figlio del presidente turco)


.. Wow! Fantastica! L'ha gia' tradotto (la versione su ZH ha gia' fatto piu' di 200.000 letture)

Voci dall'Estero - ECCO CHI FINANZIA L’ISIS: BILAL ERDOGAN, IL FIGLIO DEL PRESIDENTE TURCO

Ancora un tagliente articolo di ZeroHedge sugli “insospettati” amici dell’ISIS. Se l’abbattimento del jet russo da parte delle forze armate turche ha destato qualche sospetto sulle forze in campo, ecco una documentata conferma che è proprio attraverso la Turchia –paese membro della NATO e alleato dell’Occidente,– e per tramite di persone vicinissime al Presidente Erdogan, se non lui stesso, che l’ISIS può fare cospicui affari vendendo il petrolio iracheno e rifornendosi di armi.

Durden: Persi negli USA piu' di 250.000 posti di lavoro nel settore petrolifero (sinora)


Zero Hedge - Oil Jobs Lost: 250,000 And Counting, Texas Likely To See Massive Layoffs Soon

beh, chessara' mai un quarto di milione di posti di lavoro ... petrolio a 20 dollari al barileee! .. cheddico, a 10! ... Picchisti coglioniiii!  ... la mano invisibile dell'egoismo salvera' (come sempre) il mondo e l'umanita' (/sarc)

Jesse: Menu' (e prezzi) alla festa del ringraziamento del 1899 all'hotel Plaza


altri menu storici per il Thanksgiving da Jesse

Grimaldi a Matrix


Durden: "Scendete dai vostri camion e scappate". Gli USA danno all'ISIS un preavviso di 45 minuti sui bombardamenti dei convogli di petrolio


Dal conosciutissimo sito americano Zero Hedge, salta fuori che gli americani, infine costretti dall’intervento dei russi a fare quel che sarebbe stato più logico sin dall’inizio, e cioè colpire il commercio del petrolio che sostiene l’ISIS, hanno lanciato dei volantini per avvisare degli imminenti bombardamenti. Ne parla in conferenza stampa un generale, arrampicandosi sugli specchi per accampare delle giustificazioni. 


Per Zero Hedge il motivo è evidente: “è il minimo che la CIA possa fare per un vecchio amico”…

leggi tutta la traduzione su Voci dall'Estero




Hugh Smith: Why Even A Modest Disruption Will Shatter The Status Quo


Sempre ottime le analisi di Charles Hugh Smith, riprese spesso dai Tylers (che copioni! citano fonti su fonti e riportano spesso paro paro articoli di altri! ... ma adotta un neurone, coglione).

Qui sopra una delle grafiche fondamentali per capire da dove veniamo e dove ci troviamo: la quantita' totale del credito (e cioe' DEBITO) negli States. Negli ultimi 33 anni da 13 trilioni di dollari (13.000 miliardi) a 59 trilioni. Nel frattempo il PIL (GDP) e' salito "solo" da 6,2 a 17,5 trilioni. 

La parte evidenziata fra le due lineette rosse e' il tentativo di riduzione del debito in eccesso dell'immediato post 2008. Quella minuscola discesa invece che costante (o accelerata) salita ha quasi portato il mondo finanziario (e conseguentemente economico) al collasso. 

Fa te come siamo messi bene. Il mitico deleveraging (riduzione della quantita' complessiva di debito, privato, pubblico, delle imprese e delle famiglie) di cui parlava spesso Ray Dalio qualche anno fa pare sempre piu' una chimera. Invece le banche centrali stanno facendo di tutto per prolungare l'agonia, spingendo per creare (almeno in teoria ma anche in pratica) piu' debito, nuovo debito. Debito che piu' cresce e meno crea effetti di crescita del PIL. 

Mi pare sempre che siamo diretti verso un impatto finale, un crollo di proporzioni epiche. 


trovi tutto il post di Charles Hugh Smith QUI





It's a strange day
No colors or shapes
No sound in my head
I forget who I am

When I'm with you
There's no reason, there's no sense
I'm not supposed to feel
I forget who I am, I forget

Fascist baby
Utopia, utopia

My dog needs new ears
Make his eyes see forever
Make him live like me
Again and again

Fascist baby
Utopia, utopia

I'm wired to the world
That's how I know everything
I'm super brain
That's how they made me

Fascist baby
Utopia, utopia

Obama: La Turchia ha diritto a difendere il proprio territorio

Il Fatto: Stragi Parigi, Obama: “Isis sarà distrutto. Turchia ha diritto a difendere territorio”.

Che pagliacciata. Difendere il proprio territorio.. ma per favore






In other words, as Sputnik put it earlier this evening, "according to those numbers, the Su-24 would have had to be flying at stall speed."

The Su-24's max speed is 1,320 km/hour. 
So if we assume the Su-24 was actually going much faster, was 17 seconds more like 5 seconds? Or perhaps even less?

SE il Sukhoi ha tagliato sopra una striscietta di terra turca, SE, avra' sconfinato per 5 secondi. 5 secondi in cui gli sarebbe stato intimato non so quante decine di volte (cosi' ripetono parecchi giornaletti mainstream) di lasciare lo spazio aereo turco. 

Zero Hedge - 17 Seconds That Changed The World - Leaked Letter Exposes Turkey's Hair-Trigger Reality

Zero Hedge - NATO Is Harboring ISIS, And Here's The Evidence

mercoledì 25 novembre 2015

Els: Platinum, palladium prices break fall


The price of the metal has declined more than 15% over the space of a month, hitting its lowest since November 2008. At the time the platinum price quickly recovered but for any sustained period trading below $800 an ounce you have to go back 12 years.

While the gold price has also suffered, the platinum discount to gold is now at a record of more than $220, exceeding even the gap when gold was trading at record highs above $1,900 an ounce in 2011. Traditionally platinum has attracted a premium to gold.

Nymex contracts for December delivery of sister metal palladium exchanged hands $553.20 an ounce Tuesday, up 2% on the day following a recovery from a low of $528 an ounce last week. Palladium has been on a wild ride reaching a 13-year highs above $900 an ounce in September last year but is now back to levels last seen early-2010.

Apart from jewelry platinum's main application is in autocatalysts to treat emissions, while more than 70% of palladium finds its way into vehicles. PGM supply is also highly concentrated with 70% of platinum produced in South Africa and Russia dominating palladium production.


Worries about demand following the Volkswagen scandal hurt platinum’s prospects in Europe, its largest market where diesel engines dominate. Palladium has come under pressure from fears of a sharper than expected slowdown in China, the world’s largest car market which like the US is dominated by gasoline engines.

The decline in PGM prices was exacerbated by investors liquidating their holdings in physically backed exchange traded funds. The launch of two popular physically-backed palladium ETFs in Johannesburg in March last year gave an additional boost to palladium and platinum already boosted by the crippling strike in South Africa.

But investors have pulled out nearly 14 tonnes from platinum ETFs and some 18 tonnes from palladium funds just since August, a dramatic shift considering total holdings for the industry topped out at just 200 tonnes. After a surge of investment earlier in the year, net outflows are now predicted for the year.

Surging supply could further dent PGMs despite predictions of a deficit this year and next. A new report by the World Platinum Investment Council forecast an 8.5 tonnes shortfall this year and a balanced market in 2016.

A 7% decline in recycled platinum owing to lower jewelry demand in China and weaker prices would not be enough to offset strong output growth says WPIC. That’s thanks to South African production reaching pre-strike levels helping global output to rise by 6% 218 tonnes in 2015 followed by more modest growth in 2016.

Platinum is set for an annual deficit of 20.3 tones in 2015 and palladium a 13.3 tonnes shortfall according to a Johnson Matthey semi-annual report released last week. The autocatalyst and chemicals company predicts South African production will rise 20% to the highest since 2011, with a double digit drop in recycling again not enough to offset higher global output.


Jesse: L'aumento di riserve auree dei paesi della "Silk Road" sono aumentate del 450% dal 2008 ad oggi


Jesse fa notare l'esplosione di domanda d'oro, specie nella cosidetta Silk Road (dalla Cina alla Russia alla Turchia passando dall'Asia centrale e dal Medio Oriente) in particolare dal 2008:
Silk road total demand, including the growth of official reserves and commercial imports, has risen from 1,493 tonnes in the year 2000 to over 27,087 tonnes in 2015. 
The greatest increase has been since the global financial crisis in 2008 with an astonishing increase of 450% over the total amounts accumulated until then.

As you may recall, gold was ending its long bear market with a price bottom and a long climb higher shortly after the currency crises of Asia and Russia in the 1990's.
 
Silk Road demand has easily exceeded total global mine production for the last two years. And quite Therefore, in addition to mining, other sources of gold have had to be found. This may include scrap, and gold held by other entities.
Has this surge in gold demand been an uniquely Chinese government phenomenon? Hardly. (...) 

Qualcosa come 25.000 tonnellate (!) in 7 anni ... ricordo che le produzioni annue, ora che siamo in zona picco storico (dall'alba dei tempi sino alla fine dei tempi su questo pianeta, a meno di rivoluzioni tecnologiche ora solo speculabili) sono a meno di 3000 tonnellate l'anno:


.. vedi tutti gli altri grafici da Jesse

Orwell: La guerra contro un altro paese scoppia solo quando i ricchi pensano che potranno farci un profitto


La guerra contro un altro paese scoppia solo quando i ricchi pensano che potranno farci un profitto

George Orwell

St.Angelo: La morte dell'Oro e dell'Argento di carta



Steve St.Angelo ci evidenzia quello che abbiamo gia' notato e cioe' come la domanda degli investitori ha virato negli ultimi anni dal finanziario (ETF vari) al fisico (monete e lingotti reali d'oro e d'argento).



Magari parlare di morte dei metalli di carta o "sintetici" come dicono altri e' un po' esagerato e prematuro ma la tendenza mi pare piuttosto evidente. 

leggi tutto QUI

martedì 24 novembre 2015

Harvey: Il deficit di offerta nel mercato del Platino svanira' nel 2016


Facciamo il giochino dell'altra sera ma stavolta su un articolo sui fondamentali del Platino. L'autore scrive per Reuters (la stessa dello studio GFMS Thompson Reuters vista jeri per l'argento) e l'articolo e' stato riportato anche su MineWeb.

Il titolo gia' ci dice una cosuccia interessante, siamo in deficit anche nel Platino, come nell'Argento, come visto jeri. La domanda supera l'offerta. 

Ottima ragione per giustificare i prezzi ai minimi di quest'anno, ai minimi dai quelli (durati pochi mesi) del 2008, noh? A 840 dollari l'oncia mi pare che siamo arrivati, dai 1900 del 2011 e dai 2300 del 2008 (anno movimentato, come sappiamo). 

Deficit to swing into a small surplus of 5 000 ounces next year.

Il sottotitolo ci spiega che invece l'anno prossimo e' previsto un surplus di produzione rispetto ala domanda ... si, di ben 5000 once :D

The platinum market deficit will shrink this year, before moving into a small surplus in 2016 as supply from mining and recycling rises and investment falls, the World Platinum Investment Council said in a report on Tuesday.


I turchi abbattono Sukhoi russo in Siria



E' veramente infame come le varie forze dello schieramento occidentale continuano da anni, decenni, a piantare dita negli occhi alle potenze euroasiatiche, Russia e Cina. Ucraina, tutto il Medio Oriente, i cinesi che dicono agli americani di non provarsi a navigare con navi da guerra attorno alle ormai loro isole nel mar cinese del sud e subito Obba' che ci manda navi da guerra.. la Nulan intercettata che dice "si fottano gli europei"... mo sta farsa che il sukoi avrebbe volato nei cieli turchi. Infatti ecco nelle mani di chi e' finito uno dei piloti:


Cazzo, non ne posso piu' di video su sti beduini che pare che riescano solo a dire Allah u akbar! Secondo me lo dicono anche quanto fanno la spesa, quando vengono, quando escono dal cesso ... meeerda, se anche non ci fosse la sharia, le decapitazioni, la guerra santa ecc, se dovessi vivere in un paese di teste di cazzo di questa fatta credo che mi impiccherei per noja! 

Come dicono molti nei commenti all'articolo sul fatto, se qualcuno aveva ancora dubbi da che parte stanno i turchi..

Rischio Calcolato - L’Aviazione Turca Stava Difendendo Sue Postazioni Terroriste in Siria?

ByoBlu - La rabbia di Putin: mi avete pugnalato alle spalle. Ci saranno conseguenze 
Questo evento va oltre il normale quadro della lotta al terrorismo. Certamente i nostri militari stanno compiendo un lavoro eroico contro il terrorismo. Ma questa perdita, oggi, è una pugnalata alle spalle, perpetrata dai complici dei terroristi. Non posso descrivere quello che è successo in nessun altro modo. Il nostro aereo è stato abbattuto sul territorio della Siria, con un missile sparato in volo da un F-16 Turco. E’ caduto nel territorio siriano, a 4 km dalla Turchia. (...) 

Putin avra' sicuramente le mani lorde di sangue, ma credo che dovremmo tutti baciarci i gomiti mattina e sera da qualche anno a questa parte per come riesce ad evitare una guerra mondiale sulle continue e martellanti provocazioni che arrivano da "nostra" parte. 

Mi ritorna sempre in mente la Nulan, "si fottano gli europei" ... dopo aver scoperto come la CIA finanziava i movimenti europeisti nel primo dopoguerra, simpatici nobili finanziati da banchieri ebrei come Kalergi fra i padri della patria europea ... siamo solo una pedina, sacrificabile. Oltreoceano, mi pare che si divertano a giocare il loro gioco di potere sul mondo intero considerandoci come i poveri pirla nel mezzo che prima o poi saranno sacrificati (per poi magari chiamarci in causa per affondare nuovi colpi nella nostra beneamata memoria di martiri). 

Penso sempre piu' che sarebbe cosa buona e giusta, potendo, andarsene da questa parte del mondo. Troppi nodi devono ancora arrivare al pettine, la massa di debito che non produce ormai piu' sviluppo e crescita, il picco delle risorse che minaccia di manifestarsi sempre piu' nei prossimi decenni, banche centrali che si spingono sempre piu' in terra incognita ... troppe cose stanno convergendo verso niente di buono. 

.. il Sud America magari, lontano dalle rogne globali, non soggetto ad invasioni da parte di popoli disperati nei dontorni, geopoliticamente e strategicamente sostanzialmente fuori dalle palle ... non so. 

Rebuffo: Salvataggio Bancario Made in Renzi: Vi Costa quasi un Miliardo di Euro

Aggiornamento: emergono altri dettagli, dei 3.6 miliardi prestati dalle banche italiane, su 1.6 miliardi c’è la garanzia dello Stato attraverso Cassa Depositi e Prestiti, non ho parole, questa è un grottesca farsa.
….Intesa Sanpaolo, Unicredit e Ubi sono il pool dei tre maggiori istituti che ha garantito la linea di liquidità immediatamente necessaria per avviare il salvataggio (da 1,65 miliardi totali), che viene remunerata “a tassi di mercato” e ha scadenza massima di un anno e mezzo. Su questa linea, emerge dal comunicato di Intesa, c’è un ruolo per Cassa Depositi e Prestiti: ha assunto un impegno di sostegno finanziario in caso di incapienza del Fondo alla data di scadenza del finanziamento.
Si cominciano a fare i conti, e come al solito l’ennesima sparata del Cazzaro si è rivelata per quella che è : una cazzata appunto.
Non è vero che il salvataggio di Banca Marche, CariChieti, Carife e PopEtruria sia a totale carico dei “privati”. Il costo per le casse dello stato si aggirerà intorno al miliardo di euro di mancati introiti fiscali.
Poco? Tanto?
Diciamo che è un costo accettabile per evitare un autentica ecatombe per il fondo nazionale di garanzia sui depositi e perdita di fiducia (giustificatissima) nel sistema bancario italiano.


Ebay Italia: Vendesi lingotti argento da 1000 once, 18.000 euro



Interessa? :D

Non so quanto sia affidabile il venditore, dai feed parrebbe di si. Certo mi domando dove li ha pescati lui dei lingotti cosi' in Italia .. in banca? Pare che il venditore sia di Ciampino.. scaricati in aeroporto? Boh. Indagate voi col venditore se vi interessa.

.. comunque tratterei sul prezzo, visto che lo spot e' sui 13-14 euro l'oncia. ... bella bazza per eBay, se lo vende tramite loro sono 1.800 euro che si intascano. Per ognuno dei 5 lingo

Arendse: L'Argento sta perdendo la sua brillantezza (pregasi confrontare l'assurdita' del titolo col contenuto dell'articolo che riprende gli ultimi dati GFMS)


Quando leggo 'sti articoli mi incazzo ... allora, il titolo e' "L'argento perde la sua brillantezza". Sottotitolo: "Il mercato del metallo fisico atteso in deficit quest'anno". 

Gia' si dice una cosa e qualcosa che e' sostanzialmente il suo opposto nelle prime due righe: scusa, se c'e' piu' domanda che offerta com'e' che "l'argento perde la sua brillantezza?".

Poi si scopre che in realta' (come sappiamo) il mercato dell'Argento e' in deficit da alcuni anni di fila, non solo questo che non e' ancora finito (e se vedi i dati del Silver Institute, ve li ho mostrati spesso, i deficit sono quasi una costante da una decina d'anni). Comunque. Leggiamo passo passo:

Silver has been hit by weak industrial and investor demand and analysts are predicting more pain for the precious metal. Due to its duality as a precious and industrial metal, it’s almost impossible for silver to decouple from the pressure experienced by gold and industrial metals.

L'argento e' stato colpito da una debole domanda industriale e da parte degli investitori. ... eh? Ma se persino i media mainstream (USA, figurati qui nel pollajo Italia), Bloomberg, WSJ, CNBS, CNN hanno parlato di domanda ai massimi, di "corsa all'oro" e di "domanda fuori controllo di monete d'argento in tutto il mondo"?  .. ma vabbe', sara' che la tipa che scrive l'articolo non sa di che parla e scriveva di unghie colorate sino a jeri. 

Durden: In New Video, A Grateful Al-Qaeda Thanks US For Supplying Anti-Tank Missiles



Terroristi "moderati" (affiliati ad Al Quaeda, ora sono moderati), armi USA da tutte le parti ... 

(...) Here’s what WSJ said at the time:

“Among seven areas that Syrian state media listed as targets of Russian strikes, only one—an area east of the town of Salamiyah in Hama province—has a known presence of Islamic State fighters. The other areas listed are largely dominated by moderate rebel factions or Islamist groups, such as Ahrar al-Sham and the al Qaeda-affiliated Nusra Front.”

Yes, “moderate rebel factions such as the al-Qaeda-affiliated Nusra Front.”

Put simply, the US had become so desperate to preserve whatever was left of the strategy to overthrow Assad, that Washington had the mainstream media floating trial balloons to see if the public would accept the characterization of al-Qaeda as “moderate. (...) 



Ranucci (Report): E' tutto oro quello che luccica?



Dalla prefazione del sito Rai, dove trovate anche il video di questa parte della puntata di Report dell'altro giorno:


Ci siamo imbattuti per caso nel mondo dorato della Gsg Evolution, acronimo della Gold Sweet Gold, una società che ha i manager che vivono a Verona e che si occupano di fare formazione su piani di investimento in oro. 
Gira da due anni gli alberghi di tutta Italia e, nel corso di presentazioni effettuate rigorosamente a numero chiuso, informa i risparmiatori italiani sulla convenienza a investire in oro e nei preziosi di una società tedesca di nome Auvesta, di cui la stessa Gsg è partner. 
Il sistema di investimento di cui parlano è questo: il risparmiatore investe i suoi risparmi versandoli su un conto della banca di Trento e Bolzano del gruppo Intesa.  
Auvesta poi prende i soldi e li porta in Germania e li trasforma in lingottini, che vengono stipati in un caveau e secondo i promotori non sarebbero aggredibili dal fisco italiano.  
Grazie ai promoter Auvesta ha già raccolto decine di milioni tra i risparmiatori. Ma è tutto oro quello che luccica?


lunedì 23 novembre 2015

Durden: L'Europa vuole l'accesso a tutti i dati SWIFT (per combattere il terrorismo)

(...) More from Reuters:
Sapin said that the SWIFT system had two computer servers, one in Europe and one in the United States, but that Europe currently relied on U.S. authorities to collect and analyze the vast amounts of data flowing through it to detect security issues. 
"We Europeans don't have the capacity to exploit our own data. I don't think this can carry on this way," Sapin told a news conference. "Since we do not have the means to analyze the data located in Europe, we transfer all of this data to the Americans, who have the capacity to analyze it." 
Efforts to curb financing of militant groups have intensified since the attacks in Paris on Nov. 13 by Islamic State-backed gunmen and bombers. 
Belgian-based SWIFT, or Society for the Worldwide Interbank Financial Telecommunications, operates services transmitting letters of credit, payments and securities transactions among 9,700 banks in 209 countries. 
SWIFT says on its website that it is subject to binding requests to provide the U.S. Treasury with data from its European server "for the purpose of the prevention, investigation, detection or prosecution of terrorism or terrorist financing".

And just like that another prediction has come true: first came the crack down on weapons, and now the crack down on all financial transactions. Next: the NSA opens a European branch to make sure that just like their American peers, everything Europeans do will be forever recorded in some massive database for eternity. Why? "To fight terrorism."

St.Angelo: Prezzo dell'Argento e e bilancio della Fed, 2002-2015


WSJ: Eni vuole pompare petrolio artico per fine anno, mentre gli altri abbandonano

Wall Street Journal: Italy’s Eni Plans to Pump Arctic Oil, After Others Abandon the Field

Despite delays and falling price of crude, Eni’s Goliat oil platform is set to begin production before year-end.


Tampieri: Il tempo dell'inganno universale


La verità è così preziosa che bisogna proteggerla sempre con una cortina di bugie. 
(Winston Churchill)

Il livello di propaganda che emana dai media in questa grande campagna d'autunno all'insegna della strategia della tensione globale ha ormai superato ogni limite di tolleranza, per non dire di decenza. Credo che oramai questa cosa del "più la bugia è grossa e più la gente la crederà" stia loro sfuggendo di mano. La saggezza popolare, quella che, nella scritta sul muro qui sopra, sfida il nemico fantasmatico a palesarsi nel reale per un virile e decisivo fare a cazzotti, è sempre pronta a vedere la nudità dell'imperatore e ogni volta che appare un nuovo nemico già ex-amico, una nuova compagine terroristica dal nome improbabile, un nuovo babau - anche se non è ancora stato trovato un caratterista all'altezza dell' Osama Bin Laden fatto morire nell'epico finale della serie "Al Qaeda" - è sempre meno disposta a crederci. La grossezza della bugia deve diventare quindi enormità, essa si gonfia fino a che un giorno, inevitabilmente, non potrà che esplodere in faccia a coloro che l'hanno creata ed hanno continuato a gonfiarla a dismisura credendo di poterlo fare all'infinito. 

Si comincia a credere sempre meno alla narrazione di ogni ennesimo attentato anche se non si appartiene alla categoria dei complottisti, perché nel mondo dell'informazione mainstream 2.8, stanno esagerando, secondo me, con quella che ormai non è nemmeno più affabulazione ma pura mitopoiesi. E' una cascata di menzogne con l'aggravante della presunzione dell'idiozia totale dell'ascoltatore. Le palle, di tutti i colori, rotolano in salotto dal televisore trasformandocelo in un'area bimbi dell'Ikea. 
La creazione del nemico è fatta di caratteristi ed improbabili macchiette che lo risulterebbero anche in un film di 007, dei quali ormai si lanciano al pubblico solo i pochi brandelli rimasti dopo che si sono fatti immancabilmente esplodere, tra cui sempre gli incredibili passaporti intonsi. A volte sono solo nomi senza volto, Carneadi assurti agli onori della cronaca per ancor meno del quarto d'ora sindacale. Immagini fuggenti che però rimangono bene impresse nella mente, come solo i fantasmi riescono a fare.
Vogliamo parlare dei famigerati filmati dell'ISIS mandati regolarmente alla Signora Katz (alla quale scommetto nessuna intelligence va a chiedere come faccia ad avere sempre il canale aperto con l'ISIS)?
Lì vale il trucco del "non possiamo ovviamente mostrarvene le immagini". E' noto che basta offrire un lieve input al nostro inconscio per farlo scatenate in immaginazioni degne del peggior incubo. 
All'inizio il messaggio è "Jihadi John è un terrorista islamico che ha tagliato la testa ad un prigioniero occidentale." Poi vi fanno vedere uno vestito ed incappucciato di nero (il Babau) con un coltello in mano e il prigioniero inginocchiato. Vi descrivono cosa accade in seguito ma non vi fanno vedere ovviamente le immagini tanto voi ve le figurate lo stesso il più crude possibile e meglio di qualsiasi Eli Roth alla regia.
Una volta stabilito il collegamento islamico=tagliagole attraverso lo shock emotivo della decapitazione fantasticata, senza contare l'evocazione di un archetipo come il sacrificio umano, basterà solo nominare "ISIS" o anche solo "coltello", e tutti risponderanno correttamente con la vampata di terrore che paralizza e sconvolge e l'odio verso il boia fantasma di turno.
Siamo cani infedeli, è vero, ma cani di Pavlov. Questo è nient'altro che condizionamento operante.Un arnese vecchio come il cucco ma che, a quanto pare, ancora funziona.

contiuna, leggi tutta la gustosa parte seguente su Orizzonte degli Eventi


Durde: Facebook si che riconosce un culto quando lo vede


Messora: Anche Prodi in tribunale. Ne sapete niente? Chiedetevi perché.

Fate la prova. Non fidatevi di me. Cercate “Prodi Trani” sui motori di ricerca. Cercate su Repubblica e Corriere. Provate a vedere se vi raccontano per filo e per segno quello che ha detto Prodi giovedì 19 novembre (quattro giorni fa) a Trani, chiamato a deporre dal PM Michele Uggiero nel corso del processo a Standard & Poor’s.
Per carità, che Romano si sia molto arrabbiato perché aveva appuntamento davanti al giudice alle 11.15 ma ha dovuto aspettare fino alle 15.30 (porello), questo ve lo raccontano tutti. Che all’altro testimone, Giuseppe Vegas, presidente della Consobhanno rubato la macchina mentre deponeva, è una notizia che troverete con facilità. Ma provate a capire cos’abbia detto Prodi non ai giornalisti, dopo e prima, ma sul banco dei testimoni.
Eppure, nei 15 minuti durante i quali ha parlato, rispondendo alle domande dell’accusa e della difesa, di cose deve averne dette un bel po’, non certo quelle due o tre righe riportate dalla stampa. E considerato che lo scherzetto del downgrade sul rating di Standard & Poor’s ci potrebbe essere costato ben 3.1 miliardi di euro, direi che la deposizione di Romano Prodi, così come tutte le altre, da Maria Cannata (direttore del dipartimento debito pubblico del Ministero del Tesoro) a Giulio Tremonti, ex ministro delle finanze, da Vegas della Consob a Elio Lannutti, da Mario Draghi (che, pur citato, non è venuto perché “teme clamori mediatici“), passando per Pier Carlo Padovan (che dovrebbe essere sentito a breve) fino ad arrivare a lui, Mario Monti, che “non poteva” e dunque ha rimandato la sua udienza al prossimo 27 gennaio, era uno di quei processi a cui la stampa avrebbe dovuto stare incollata come se non ci fosse un domani. Con tutto il rispetto per il giallo di Avetrana, per il processo sulle escort di Berlusconi, sugli scontrini di Marino e così via, si intende. Invece niente. C’erano quattro gatti a pedali. E pure omertosi! 

Wall Street Journal: Previsioni bancarie assortite per il prezzo dell'oro nel 2016



Mi pare che manchi Goldman Sucks ... com'era l'ultima versione rivista e spostata in avanti nel tempo? 1000 fra 6 mesi e sotto i 900 nel 2017?

Ho fatto una piccola ricerca per tag, non ho trovato l'ultima che han detto ma ho trovato queste previsioni:

Dicembre 2011: 1.810 di media nel 2012 (chiuse il 2012 sui 1.650 circa)  
Luglio 2014: 1.050 per fine 2014 (chiuse il 2014 sui 1.200 circa)  
Luglio 2015: Sotto i 1.000 per fine 2015

... c'e ancora tempo perche' quest'ultima si avveri... scommettiamo che se succede l'euro sara' a 1,03 sul dollaro e il prezzo da noi sara' sostanzialmente fermo sui 1000 euro l'oncia? (voglio le Sterle a 220 euri !!!) 

Jesse su un ennesimo articolo fuorviante sul mercato dell'oro, su Bloomberg questa volta

La linea grigia che si vede in basso rappresenta le produzioni minerarie mondiale mese per mese


Jesse sfotte un po', signorilmente, come da par suo, questo articolo di Bloomberg, in cui si dice che i risparmiatori cinesi comprano oro mentre "il resto del mondo lo vende", esce, non vuol sapere, pare:
China Savers Buying Gold As 'Rest of the World' Exits 
The 'Rest of the World' apparently does not include India, Russia, Turkey, much of the Mideast, and the European central banks who have been busy trying to repatriate their gold from New York and London.

Il resto del mondo evidentemente, dice Jesse, non comprende India, Russia, Turchia, il Medio Oriente, tutte le banche centrali che chiedono rimpatri del proprio oro dalle piazze anglosassoni ..

Intanto pero' continua una lenta uscita di oro dagli ETF "con restrostante in oro fisico":


.. sara' che la gente ha capito che e' meglio il fisico e nelle proprie mani, specie a 'sti prezzi, vista la domanda riesplosa negli ultimi tempi (triplicata la domanda negli States)

Intanto al Comex il livello di leva (contratti / oro fisico in vendita) resta a valori anomali ed altissimi: