Ovvero: Pararsi un po' il cul* in questo pazzo pazzo mondo di carte filigranate, iperfinanza globalizzata e picco delle risorse

sabato 31 maggio 2014

L'Exchange di Shanghai si vuole internazionalizzare e diventare un vero hub al pari di quelli di Londra e New York

Reuters - With London "fix" under fire, China seeks bigger sway in gold trade
New exchange plans physical contracts initially, then derivatives
By A. Ananthalakshmi - Mon May 26, 2014

Singapore, 27 Maggio (Reuters) – Fonti non rivelate fanno sapere che la Cina avrebbe approcciato alcune banche straniere e alcuni produttori d’oro per sondare il terreno sulla loro possibile partecipazione ad un exchange globale di oro con sede a Shanghai che potrebbe dare più peso ai maggiori produttori e consumatori d’oro sul pricing del metallo.

Lo Shanghai Gold Exchange (SGE) ha ricevuto il via libera da parte della banca centrale la settimana scorsa sul lancio di una piattaforma di trading globale con sede nella zona pilota di free trade della città, una mossa che potrebbe sfidare il dominio di Londra e New York sul commercio e sul pricing dell’oro.

I piani di Beijing (Pechino) di aprire una simile linea di trading in oro si manifestano proprio mentre lo storico benchmark londinese e il suo processo di stabilimento sono sotto pressione. La settimana scorsa Barclays Plc è diventata la prima banca ad essere colpita da una multa per i suoi tentativi di manipolazione del quasi centenario benchmark mondiale, il fixing giornaliero londinese del prezzo dell’oro.

Financial Times: L'oro cala.. colpa di El Nino

Oooh, ecco perchè l'oro è calato negli ultimi giorni! ;D

Zero Hedge - Here Is What The Slide In Gold Is Being Blamed On (Hint: Weather)
Submitted by Tyler Durden on 05/30/2014

Quand’è l’economia USA che sottoperforma le aspettative si da la colpa al clima. Ora sulle ali dell’aver dato la colpa al clima anche per il calo dei consumi in Giappone, il Financial Times proclama che la recente debolezza nell’oro è dovuta a niente meno che El Nino visto che la stagione dei monsoni ridurrà la domanda in India… benvenuti alla meteo-economia 101.

Dal Financial Times:
Concerns about the effect of El Niño, which have hit commodities markets since the start of the year, is spreading to gold, as some analysts point to the weather phenomenon’s potential impact on India’s monsoon season.

The lack of physical buying by Indian consumers, normally active purchasers of the yellow metal, has been one of the bearish factors for the gold market this year.
The precious metal was down 3 per cent on the week at $1,253.90 a troy ounce, and Edel Tully, precious metals strategist at UBS in London, said India was likely to be on the radar in June as the monsoon season started.
...

A bad monsoon could hit crops and lead to higher food inflation, prompting higher income earners to buy gold.

However, a larger impact on the gold market is likely to come from poor crops and rising food costs forcing farmers to “sell part of their gold holdings as well as leaving less money for gold purchases”, UBS added.

--- 

insomma, i monsoni potrebbero colpire i raccolti e portare ad un'inflazione dei prezzi alimentari lasciando meno rupie in tasca a Rajiv e Gandhar da spendere in oro ... e chissenefrega se in contemporanea il nuovo governo indiano sta allentanto le restrizioni all'import d'oro messe in atto l'anno scorso, cosa che potrebbe semmai farla risalire la domanda indiana, superata solo l'anno scorso da quella cinese :O

mercoledì 28 maggio 2014

And now... Bilderberg 2014 Edition - Lista dei partecipanti

Naa! Pofera Lilly, stavolta le hanno preferito la sua copia più giovane, quella che se ricordo bene faceva la "embedded" in Iraq (il che - io non ci credo, ma qualcuno dice che - vuol dire che se ne stava nel quartire generale americano a kilometri e kilometri dalla guerra e - con l'elmetto in testa - leggeva trafelata le veline che le davano da leggere. Gran prova di gioralismo investigativo e sul pezzo, rischiando la pelle ... intanto, se non ricordo male, in quella guerra missione di pace si registrava il più alto tasso di giornalisti (veri) fatti secchi. In bocca al lupo con la scelta del vestito, Miss Magghioni

Tyler ci tira fuori la lista dei partecipanti al prossimo Bilderberg a Copenhagen. Infowars fa notare come siano un pochino sotto attacco recentemente, fra movimenti euroscettici, Le Pen, Farage ... e come molto probabilmente il tema sarà come far passare il TTIP senza che la gente venga praticamente neanche a sapere che è successo qualcosa (di colossale):

Inside sources confirm to Infowars that the elite conference, which will take place from Thursday onwards at the five star Marriott Hotel, will center around how to derail a global political awakening that threatens to hinder Bilderberg’s long standing agenda to centralize power into a one world political federation, a goal set to be advanced with the passage of the Transatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP), which will undoubtedly be a central topic of discussion at this year’s meeting.

The TTIP represents an integral component of Bilderberg’s attempt to rescue the unipolar world by creating a “world company,” initially a free trade area, which would connect the United States with Europe. Just as the European Union started as a mere free trade area and was eventually transformed into a political federation which controls upwards of 50 per cent of its member states’ laws and regulations with total contempt for national sovereignty and democracy, TTIP is designed to accomplish the same goal, only on a bigger scale.
No, vi prego di prendervi il tempo di legge chi sono e su che poltrone siedono, uno per uno:

Chairman

FRA Castries, Henri de Chairman and CEO, AXA Group

Attendees

DEU Achleitner, Paul M. Chairman of the Supervisory Board, Deutsche Bank AG
DEU Ackermann, Josef Former CEO, Deutsche Bank AG
GBR Agius, Marcus Non-Executive Chairman, PA Consulting Group
FIN Alahuhta, Matti Member of the Board, KONE; Chairman, Aalto University Foundation
GBR Alexander, Helen Chairman, UBM plc
USA Alexander, Keith B. Former Comdr, U.S. Cyber Command; Former Director, NSA
USA Altman, Roger C. Executive Chairman, Evercore
FIN Apunen, Matti Director, Finnish Business and Policy Forum EVA
DEU Asmussen, Jörg State Secretary of Labour and Social Affairs
HUN Bajnai, Gordon Former Prime Minister; Party Leader, Together 2014
GBR Balls, Edward M. Shadow Chancellor of the Exchequer
PRT Balsemão, Francisco Pinto Chairman, Impresa SGPS
FRA Baroin, François Member of Parliament (UMP); Mayor of Troyes
FRA Baverez, Nicolas Partner, Gibson, Dunn & Crutcher LLP
USA Berggruen, Nicolas Chairman, Berggruen Institute on Governance
ITA Bernabè, Franco Chairman, FB Group SRL
DNK Besenbacher, Flemming Chairman, The Carlsberg Group
NLD Beurden, Ben van CEO, Royal Dutch Shell plc
SWE Bildt, Carl Minister for Foreign Affairs
NOR Brandtzæg, Svein Richard President and CEO, Norsk Hydro ASA
INT Breedlove, Philip M. Supreme Allied Commander Europe
AUT Bronner, Oscar Publisher, Der STANDARD Verlagsgesellschaft m.b.H.
SWE Buskhe, Håkan President and CEO, Saab AB
TUR Çandar, Cengiz Senior Columnist, Al Monitor and Radikal
ESP Cebrián, Juan Luis Executive Chairman, Grupo PRISA
FRA Chalendar, Pierre-André de Chairman and CEO, Saint-Gobain
CAN Clark, W. Edmund Group President and CEO, TD Bank Group
INT Coeuré, Benoît Member of the Executive Board, European Central Bank
IRL Coveney, Simon Minister for Agriculture, Food and the Marine
GBR Cowper-Coles, Sherard Senior Adviser to the Group Chairman, HSBC Holdings plc
BEL Davignon, Etienne Minister of State
USA Donilon, Thomas E. Senior Partner, O’Melveny and Myers; Former U.S. NSA
DEU Döpfner, Mathias CEO, Axel Springer SE
GBR Dudley, Robert Group Chief Executive, BP plc
FIN Ehrnrooth, Henrik Chairman, Caverion Corporation, Otava and Pöyry PLC
ITA Elkann, John Chairman, Fiat S.p.A.
DEU Enders, Thomas CEO, Airbus Group
DNK Federspiel, Ulrik Executive Vice President, Haldor Topsøe A/S
USA Feldstein, Martin S. Professor of Economics, Harvard University; President Emeritus, NBER
CAN Ferguson, Brian President and CEO, Cenovus Energy Inc.
GBR Flint, Douglas J. Group Chairman, HSBC Holdings plc
ESP García-Margallo, José Manuel Minister of Foreign Affairs and Cooperation
USA Gfoeller, Michael Independent Consultant
TUR Göle, Nilüfer Professor of Sociology, École des Hautes Études en Sciences Sociales
USA Greenberg, Evan G. Chairman and CEO, ACE Group
GBR Greening, Justine Secretary of State for International Development
NLD Halberstadt, Victor Professor of Economics, Leiden University
USA Hockfield, Susan President Emerita, Massachusetts Institute of Technology
NOR Høegh, Leif O. Chairman, Höegh Autoliners AS
NOR Høegh, Westye Senior Advisor, Höegh Autoliners AS
USA Hoffman, Reid Co-Founder and Executive Chairman, LinkedIn
CHN Huang, Yiping Professor of Economics, National School of Development, Peking University
USA Jackson, Shirley Ann President, Rensselaer Polytechnic Institute
USA Jacobs, Kenneth M. Chairman and CEO, Lazard
USA Johnson, James A. Chairman, Johnson Capital Partners
USA Karp, Alex CEO, Palantir Technologies
USA Katz, Bruce J. Vice President and Co-Director, The Brookings Institution
CAN Kenney, Jason T. Minister of Employment and Social Development
GBR Kerr, John Deputy Chairman, Scottish Power
USA Kissinger, Henry A. Chairman, Kissinger Associates, Inc.
USA Kleinfeld, Klaus Chairman and CEO, Alcoa
TUR Koç, Mustafa Chairman, Koç Holding A.S.
DNK Kragh, Steffen President and CEO, Egmont
USA Kravis, Henry R. Co-Chairman and Co-CEO, Kohlberg Kravis Roberts & Co.
USA Kravis, Marie-Josée Senior Fellow and Vice Chair, Hudson Institute
CHE Kudelski, André Chairman and CEO, Kudelski Group
INT Lagarde, Christine Managing Director, International Monetary Fund
BEL Leysen, Thomas Chairman of the Board of Directors, KBC Group
USA Li, Cheng Director, John L.Thornton China Center,The Brookings Institution
SWE Lifvendahl, Tove Political Editor in Chief, Svenska Dagbladet
CHN Liu, He Minister, Office of the Central Leading Group on Financial and Economic Affairs
PRT Macedo, Paulo Minister of Health
FRA Macron, Emmanuel Deputy Secretary General of the Presidency
ITA Maggioni, Monica Editor-in-Chief, Rainews24, RAI TV
GBR Mandelson, Peter Chairman, Global Counsel LLP
USA McAfee, Andrew Principal Research Scientist, Massachusetts Institute of Technology
PRT Medeiros, Inês de Member of Parliament, Socialist Party
GBR Micklethwait, John Editor-in-Chief, The Economist
GRC Mitsotaki, Alexandra Chair, ActionAid Hellas
ITA Monti, Mario Senator-for-life; President, Bocconi University
USA Mundie, Craig J. Senior Advisor to the CEO, Microsoft Corporation
CAN Munroe-Blum, Heather Professor of Medicine,, McGill University
USA Murray, Charles A. W.H. Brady Scholar, American Enterprise for Public Policy Research
NLD Netherlands, H.R.H. Princess Beatrix of the
ESP Nin Génova, Juan María Deputy Chairman and CEO, CaixaBank
FRA Nougayrède, Natalie Director and Executive Editor, Le Monde
DNK Olesen, Søren-Peter Professor; Member of the Board of Directors, The Carlsberg Foundation
FIN Ollila, Jorma Chairman, Royal Dutch Shell, plc; Chairman, Outokumpu Plc
TUR Oran, Umut Deputy Chairman, Republican People’s Party (CHP)
GBR Osborne, George Chancellor of the Exchequer
FRA Pellerin, Fleur State Secretary for Foreign Trade
USA Perle, Richard N. Resident Fellow, American Enterprise Institute
USA Petraeus, David H. Chairman, KKR Global Institute
CAN Poloz, Stephen S. Governor, Bank of Canada
INT Rasmussen, Anders Fogh Secretary General, NATO
DNK Rasmussen, Jørgen Huno Chairman of the Board of Trustees, The Lundbeck Foundation
INT Reding, Viviane Vice President and Commissioner for Justice,European Commission
USA Reed, Kasim Mayor of Atlanta
CAN Reisman, Heather M. Chair and CEO, Indigo Books & Music Inc.
NOR Reiten, Eivind Chairman, Klaveness Marine Holding AS
DEU Röttgen, Norbert Chairman, Foreign Affairs Committee, German Bundestag
USA Rubin, Robert E. Co-Chair, Council For'n Rel'ns; Former Secretary of the Treasury
USA Rumer, Eugene Senior Associate and Director, Russia Carnegie Endowment for Intnl Peace
NOR Rynning-Tønnesen, Christian President and CEO, Statkraft AS
NLD Samsom, Diederik M. Parliamentary Leader PvdA (Labour Party)
GBR Sawers, John Chief, Secret Intelligence Service
NLD Scheffer, Paul J. Author; Professor of European Studies, Tilburg University
NLD Schippers, Edith Minister of Health, Welfare and Sport
USA Schmidt, Eric E. Executive Chairman, Google Inc.
AUT Scholten, Rudolf CEO, Oesterreichische Kontrollbank AG
USA Shih, Clara CEO and Founder, Hearsay Social
FIN Siilasmaa, Risto K. Chairman of the Board of Directors and Interim CEO, Nokia Corporation
ESP Spain, H.M. the Queen of
USA Spence, A. Michael Professor of Economics, New York University
FIN Stadigh, Kari President and CEO, Sampo plc
USA Summers, Lawrence H. Charles W. Eliot University Professor, Harvard University
IRL Sutherland, Peter D. Chairman, Goldman Sachs International;
SWE Svanberg, Carl-Henric Chairman, Volvo AB and BP plc
TUR Taftal?, A. Ümit Member of the Board, Suna and Inan Kiraç Foundation
USA Thiel, Peter A. President, Thiel Capital
DNK Topsøe, Henrik Chairman, Haldor Topsøe A/S
GRC Tsoukalis, Loukas President, Hellenic Foundation for European and Foreign Policy
NOR Ulltveit-Moe, Jens Founder and CEO, Umoe AS
INT Üzümcü, Ahmet Director-General, Organisation for the Prohibition of Chemical Weapons
CHE Vasella, Daniel L. Honorary Chairman, Novartis International
FIN Wahlroos, Björn Chairman, Sampo plc
SWE Wallenberg, Jacob Chairman, Investor AB
SWE Wallenberg, Marcus Chairman of the Board of Directors, Skandinaviska Enskilda Banken AB
USA Warsh, Kevin M. Distinguished Visiting Fellow and Lecturer, Stanford University
GBR Wolf, Martin H. Chief Economics Commentator, The Financial Times
USA Wolfensohn, James D. Chairman and CEO, Wolfensohn and Company
NLD Zalm, Gerrit Chairman of the Managing Board, ABN-AMRO Bank N.V.
GRC Zanias, George Chairman of the Board, National Bank of Greece
USA Zoellick, Robert B. Chairman, The Goldman Sachs Group

.. ovviamente manca "la mente delle menti", la vera entità grigia, il Prof. Male che sta in una stanza d'acciajo nello spazio ad accarezzare un gatto mentre dirige tutti: Casalegghio ............ hahaha!!! :D

No, dai comuqne io non ci credo che facciano niente di male, è tutto NORMALE, normalissimo normale. Si incontrano per lavorare a garantirci un futuro migliore. A porte chiuse. Non eletti da nessuno. Normale.

E come fa notare quello scorco russo comunista di Tyler, pochini pochini i russi al convegno ... ehm, no, proprio nessuno:




martedì 27 maggio 2014

In Afghanistan è Mission Accomplished!

Zero Hedge - America's Job Is Done In Afghanistan
Submitted by Tyler Durden on 05/27/2014

Missione Compiuta! ... poco fa Obama ha orgogliosamente annunciato che il lavoro americano in Afghanistan è finito. Tossici, spacciatori e mafie di tutto il mondo concordano.


.. per il grafico dell'andamento del prezzo dell'eroina vedere il post originario di Mr Durden di qualche mese fa.

Maple Leaf d'argento 2014 Privy Horse

In generale mi stan sul cazzo tutte le cianfrusagliate che le zecche di tutto il mondo fanno a gara ad emettere, specie sui base metals ma anche sulle once d'argento ed oro: colorate, proof, col case, senza case, versione speciale, edizione limitata, ecc... in quest'ottica anche tutte le varie "privy mark" non mi esaltano, ma ho appena ricevuto uno di questi Maple Leaf 2014 Privy Horse (oltre ad un Maple 2014 - 25° anniversario) e devo dire che è carino da matti:



col suo il fondo superpannoso, super "frosted", è davvero un Maple speciale e molto bello e insieme al resto della collezione e a quello del 25° anniversario ci stanno benissimo. Cheddirte: soddisfatto, bell'acquisto, son contento :D

Faber: mi piace il concetto dei bitcoin, metti che voglia portare 10 kili d'oro fuori dalla Thailandia ...

Interessante il parere di un sempre più vecchio e tenero (?) Faber sui Bitcoin alla fine di questo video Bloomberg: "Mi piace il concetto dei bitcoin... metti che io voglia portare fuori dalla Thailandia 10 kili d'oro (Faber credo passi molto tempo a Chang Mai), non so quanto sarebbe facile o possibile salire su un aereo con tutto quel metallo. Coi bitcoin invece non avrei nessun problema a ritirari a Singapore piuttosto che in Thailand ... l'unica cosa è che i BC potrebbero essere solo la prima di tante altre valute digitali e quindi magari essere dimenticati fra un po' ... "

lunedì 26 maggio 2014

Durden: Chart MKK del giorno - oro (e argento) piccano e ricadono in pochi minuti

MKK sta per MakKeKazzo come WTF sta per WhatTheFuck

Zero Hedge - WTF Chart Of The Day: Spot Gold Spikes Over $20 As Futures Close
Submitted by Tyler Durden on 05/26/2014

I futures oro hanno stoppato il trading all 13:00 ET (ora di NY) per la festa del Memorial Day .... pochi secondi dopo il prezzo spot dell'oro è esploso da 1291 a 1312 dollari l'oncia ... certo, la liquidità è poca, veramente poca, ma pare che qualcuno fosse estremamente ansioso di mettere le mani sulla "cosa vera" (l'oro FISICO)... l'oro ha rotto così le DMA (medie mobili a X giorni) dei 200, dei 100 e dei 50 gg come pure la soglia cruciale dei 1300 USD/Troz (che Morgan Stanley diceva che non avremmo visto più).


La "multina" a Barclays (26 mln £) per la manipolazione decennale del prezzo dell'oro


Era praticamente inevitabile: dopo una settimana da quando abbiamo scritto "From Rothschild To Koch Industries: Meet The People Who "Fix" The Price Of Gold" e appena pochi giorni dopo il nostro articolo "Barclays' Head Of Gold Trading, And Gold "Fixer", Is Leaving The Bank", stamane l’ “Autorità di Sorveglianza sulla Condotta Finanziaria”, l’inglese Financial Conduct Authority, ha finalmente formalizzato quello che la maggior parte dei membri della comunità dei cappelli di stagnola sapeva da anni quando ha annunciato di aver multato Barclays [a'bbanca d'aa reggina. Er] per 26 e rotti milioni di sterline per aver manipolato "the setting of the price of gold in order to avoid paying out on a client order", "il set del prezzo dell’oro allo scopo di non pagare un ordine di un cliente”.

In più la FCA ha confermato che quegli inspiegabili raid sull’oro che sembrano sempre saltar fuori dal nulla a sbattere giù l’oro con una virulenza tale da forzare talvolta addirittura lo stop del mercato avevano una specifica origine: Barclays, il cui trader Daniel James Plunkett, nato nel 1976, “sent out a burst of orders aimed at moving the price of the yellow metal", ha fatto partire un ordine col preciso scopo di spostare il prezzo del metallo giallo.

Questa pratica è andata avanti per una decade. Come riporta il Financial Times:

Risultato epico del PD che prende i voti di quasi UN QUARTO DEGLI ITALIANI

Veramente una valanga di voti per il PD, risultato storico, non mi pare di ricordare un partito che prendesse più del 40% dei voti da solo (poi di chi è il populista), il risultato di "Fede, Speranza e Carità" è da annali. Però la retorica de "IL PAESE ha scelto noi..","LA MAGGIORANZA DEGLI ITALIANI ci ha accordato fiducia, ..." mi resta sempre un po' sul gargarozzo perchè si dimenticano sempre alcuni dati "marginali", tipo quanti non hanno votato e quanti hanno consegnato scheda bianca o nulla. Che je frega a loro? Tanto son solo i voti validi che fanno poltrone! 


Fonte: Wiki (su tutti i media "d'informazione" italiani non li danno praticamente mai i dati completi e fruibili)


E mo beccateveli TUTTI sorridenti e trionfanti, se non strafottenti. Tutti-tutti (tranne 5 stelle e forse gli alfaniani), perchè in realtà chi ha vinto è sempre e solo la casta.

Un sentito ringraziamento da parte della Casta a tutti quelli che si rendono conto di come la retorica di governo sia tutta una buffonata ma non sono andati a votare.

si, si, lo so che ha ragione Anna Ryden e tanto vale darsi alla cucina ...

La domanda del giorno è: A cosa servono le europee?

Praticamente tutti vanno alle urne pensando di votare un programma politico, perché è così che i politici si fanno il marketing. Invece non esiste la politica di programma nel parlamento europeo. Si tratta solo ed esclusivamente di dire si o no alle idiozie della non-democraticamente eletta commissione UE, e idem le idiozie del Consiglio dell'Unione Europea, da non confondere con il Consiglio Europeo e neanche con il Consiglio d'Europa, che non c'entra niente.

Votare un sacco di leghisti o tea-partisti anti-euro può farti sentire empowered, ma non ci sarà mai nessuna politica anti-euro nel parlamento europeo. Anche perché entro pochi mesi gli eletti si saranno talmente abituati allo status di neonobiltà europea che faranno esattamente lo stesso gioco di tutti e cioè di tenere in piedi la baracca il più a lungo possibile. Ma questa è una parentesi.

Il vero motivo per cui non si fa politica è che il programma viene dettato come già detto dalla commissione o dal consiglio, dopo che queste persone non-elette sono state per mesi esposti a lobbisti professionisti che alla fine riescono a convincere suddetti organi a fare un programma che tratta l'argomento del lobbista.

Questo sistema è esattamente il motivo per cui in questo momento c'è un fortissimo movimento anti-UE in tutta Europa. L'enorme dis-empowerment della nostra partecipazione alla politica. Non abbiamo nessuna possibilità di influenzare la politica che sta formando il nostro quotidiano. I politici europei stanno "dalla nostra parte" solo se andiamo in piazza e protestiamo, come per esempio sta succedendo con gli OGM.

Quindi l'unica questione da farsi prima di votare è "il mio candidato voterebbo pro o contro #ladomandachemistaacuore?"

Le cose belle e necessarie come la liberalizzazione e interconnessione dei mercati elettrici e gas erano perfettamente fattibili anche senza quella enorme organizzazione ombrello di corruzione e assenteismo.

... ciò non toglie che mo toccherà RI-vederseli pomposi ed arroganti per anni .. o PER SEMPRE. Eh, si ... moriremo democristiani.

---

Aggiornamento da OpenEurope: l'astensionismo è non solo il primo partito in UE, è anche più della metà degli aventi diritto al voto


... e i partiti "euroscettici" avranno fatto il pienone ma sono comunque ben lungi dall'avere un peso decisivo:





E va beh, Grosse Koalition e avanti tutta come sempre

Notevole il risultato di Farage in UK e della Le Pen in Francia.. comunque tutto come prima, alla fine. Alleanza fra Popolari (PDL, Merkel, ecc) e Socialisti (PD, Hollande, ecc...) e via dritto come finora. Terremoto? terremotino. Si vede che a tanti lo status quo va bene. Primo partito quello di chi non vota. E da noi PD Über Alles e Banana che ancora prende dei 15-20% dei voti (!?) ....sigh .. sob ..

Vi segnalo la bella infografica del WSJ (notare i turnout, l'affluenza alle urne.. da paura, in alcuni paesi addirittura meno del 25% ... 43% in DE, 65% in IT, 35% in UK e 41% in FR

PS: notato? anche in UE alleanza del partito unico PD-PDL (e con Merkel) ... poi state a sentirli quando si fanno caciara uno contro l'altro a Ballarò facendo la sceneggiata di non essere le due facce della stessa medaglia

venerdì 23 maggio 2014

O'Byrne: In India il nuovo governo alleggerisce un po' le restrizioni all'import d'oro

Ho l'impressione che il nuovo governo indiano abbia lasciato intendere che avrebbe rimosso le restrizioni all'import in campagna elettorale ma in realtà dovrà cercare di dare un colpo alla botte ed uno al cerchione. Per ora qualcosa ha fatto, come ci fa sapere O'Bryen, subito, ma avranno davvero intenzione di andare avanti su questa strada e cioè ritoccare i due grossi problemi, la tassazione sull'oro importata salita sino al 10% e la regola del 20-80? Vedremo. Per ora non sarei così ottimista come l'autore però ...

GoldCore - India’s Futile ‘War On Gold’ Ends - Demand To Rise
By Mark O’Byrne on 22 May 2014

La Reserve Bank of India (RBI) ha alleggerito la scorsa notte la dura regolamentazione sull’oro permettendo ad ulteriori 7 agenzie private di spedire e importare bullion d’oro. Analisti e personale dell’industria dicono che questo allentamento delle restrizioni aumenterà l’offerta nel paese, ridurrà i premium e porterà ad un aumento della domanda durante la prossima stagione dei matrimoni. La mossa permette alle "star trading houses", giojellerie private esportatrici che erano state impedite di importare oro dal giugno 2013 di riaprire le sue linee di fornitura, con effetto immediato.

Rambus: Silver Chartology

La speranza in un bel BIS! del 2008 non muore mai ...

SilverSeek - Silver Chartology
By Rambus - Thursday, May 22nd

L’ultimo grafico per stanotte è un’occhiata sul lungo periodo dell’argento che è ormai parecchio tempo che seguiamo. Parte della frustrazione che state provando con l’argento è come continua a testare il lato inferiore del canale di supporto principale che ha una buona possibilità di essere la neckline del top di una grossissima formazione a testa e spalle.

Le grosse, importanti trendline come queste non si arrendono facilmente ma come vedete in questo mese di maggio la trendline è stata infranta anche se non decisamente ancora. Mancano ancora una settimana e mezza di trading prima di poter vedere il prezzo di chiusura del mese.

O questa è la migliore opportunità per comprare o il più grosso short di una vita, hic et nunc.


Cala l'offerta di Palladio da reciclo mentre i ferrivecchi degli Stati Uniti ...

MineWeb, da New York, e su info diffuse da Reuters, ci fa sapere che l’offerta di palladio si sta - al momento - riducendo non solo perché gli scioperi in Sud Africa non accennano a fermarsi e vanno ormai avanti da mesi ma anche perché la seconda più grossa fonte di offerta di questo metallo prezioso dopo quella mineraria viene dal reciclo del Palladio contenuto nelle marmitte catalitiche e i robivecchi statunitensi starebbero tirando la corda dalla loro non vendendo il metallo in loro possesso nella speranza di realizzare prezzi migliori fra poco.

Questo ovviamente anche sulla scorta delle news dal Sud Africa che continuano a parlare di protrarsi degli scioperi dei minatori, scioperi che continuano ormai ininterrottamente da mesi nel paese che è - insieme alla Russia - il principale e quasi esclusivo produttore minerario di metalli del gruppo dei platinoidi.

Bagnai: "Se l'Euro fosse una cosa che costringe i politici a fare i bravi, perchè tutti [i politici] lo hanno voluto?"

Bella la domanda che fa Bagnai alla fine di questo programma televisivo, la dedico a tutti quelli che "Dai ad un politico, italiano magari, la possibilità di stampare e siamo rovinati": "Se l'euro fosse una cosa che costringe i politici a fare i bravi .. perchè tutti lo hanno voluto? compresi quelli che erano visibilmente cattivi, collusi con la mafia ecc.. ?"



giovedì 22 maggio 2014

Cartina Politica d'Europa - 2014 Edition

Mentre i metalli ora stanno salendo, probabilente per via del dato USA sull'aumento delle richieste di sussidi di disoccuppazione (ma Goldman Sucks non era quella che prevedeva l'oro a 1050 usd/oz per fine 2014 grazie soprattutto alla robusta crescita USA?) ... tyler ci mostra questa bella cartina politica d'Europa: 


PS: il Palladio ha toccato quota 840 usd/oz, siamo ad un soffio dai massimi storici di inizio 2011 (ma non dal picco sui 1100 nel 2000) ...

mercoledì 21 maggio 2014

Corradini: Collasso Globale e Colonie Resilienti

Effetto Risorse - Collasso globale e Colonie resilienti
Di Alessandro Corradini - Posted by Ugo Bardi
Una riflessione di Alessandro Corradini sulle cause ultime del collasso in corso (che ci si ostina ancora a chiamare "crisi")

Siamo pieni zeppi di problemi spaventosi:

- picco del petrolio,
- cambiamenti climatici,
- crollo della biodiversità,
- crisi economica inarrestabile,
- mafie e corruzioni dilaganti,
- disoccupazione tecnologica,
- armi di distruzione di massa (e convenzionali),
- collasso oceanico (acidificazione, innalzamento dei livelli, anossia, inquinamento da microplastiche, collasso delle specie ittiche, ecc...),
- inquinamenti d'ogni genere e tipo,
- mancanza di istituzioni di governo globali a fronte di gravi problemi su scala planetaria,
- crescenti diseguaglianze sociali, ecc... ecc... ecc...

Un sacco di problemi!

Tutti fenomeni concreti e pervasivi. Non catastrofismo, ma rilevazione oggettiva di un’autentica catastrofe senza precedenti nella storia dell’umanità. Per quanto gravi e spaventosi, tuttavia, tali fenomeni sono sintomi, non cause. Risalendo le catene di causa-effetto che generano questa spaventosa moltitudine di devastazioni, si può risalire ad una sola causa iniziale che le accomuna tutte. L’identificazione di un’unica causa scatenante semplifica enormemente lo scenario complessivo, ma c’è poco da rallegrarsene, poiché tale origine riguarda un fenomeno così radicato ed onnipresente da essere pressoché intrattabile. Mi riferisco ai soldi. Il problema, per inciso, non è che ne abbiamo pochi. Il problema è che ci ostiniamo ad usarli come mezzo di regolazione generale dell’economia nonostante ogni evidenza scientifica ce lo sconsigli!

Il collasso globale a cui stiamo assistendo increduli da ormai sei anni (e che ancora viene eufemisticamente chiamata “crisi”) altro non è che l’accumulo e l’intrecciarsi di tutti quei gravi sintomi generati da un’infinità di comportamenti distorti connessi all’uso del denaro. Di fatto tale pratica consiste in un groviglio di usanze socialmente ed universalmente accettate che danno forma a tutta la nostra realtà, imbrigliandola in una oppressiva varietà di relazioni impersonali che allontanano i decisori dalle conseguenze delle loro decisioni. Questo complesso intreccio è riconducibile a 3 elementi principali:

1) la massimizzazione della ricchezza monetaria (sia in termini privati, sia in termini collettivi, ossia di PIL),
2) l’uso del debito (a cui oggi è connesso tra l’altro la creazione stessa della moneta),
3) gli scambi commerciali (ossia le logiche di mercato e la speculazione).

Il mix di questi tre elementi comporta da un lato una forte de-responsabilizzazione sia degli individui sia delle comunità e dall’altro lato una feroce competizione causata da una scarsità indotta attraverso una redistribuzione della ricchezza completamente iniqua. Una trattazione dettagliata del perché l’uso del denaro, del debito e delle logiche di scambio commerciale abbiano effetti tanto devastanti sulle sorti del nostro pianeta richiederebbe tuttavia un’esposizione troppo estesa e complessa per essere qui riportata. Per chi volesse farsene un'idea approssimativa, potrà trovare qualche interessante spunto di riflessione qui , qui , qui, qui, qui, e qui. Questo microscopico elenco, tutt’altro che esaustivo ed omogeneo, non è che una capocchia di spillo dei motivi per considerare il “Business As Usual” (o BAU, ovvero il solito modo di condurre gli affari) come un vero e proprio "ordigno fine-di-mondo".

Ma non è questo il punto.

Ammesso e non concesso che si condivida questa “radicale” critica all’economia imperante, esistono alternative pratiche all’uso del denaro e dei suoi corollari? Se sì, è possibile realizzare concretamente tali opzioni?

Iniziamo col dire che ogni eventuale alternativa è destinata ad apparirci strana ed aliena. Non può che apparirci così, abituati come siamo ad un’unica e monolitica realtà economica. La quasi totalità degli esseri umani, negli ultimi millenni, sono nati, cresciuti, vissuti e morti in una società monetaria e/o basata sul debito. La stratificazione ed il consolidamento culturale, psicologico e politico dell’attuale paradigma è quindi colossale. Pensare di uscirne collettivamente e rapidamente da questo paradigma appare perciò un’impresa improba e folle. Il pianeta, però, è un paziente ormai grave ed il nostro futuro è fortemente incerto. La comunità scientifica internazionale ci sta avvertendo che siamo ormai ad un passo dalla soglia che conduce alla sesta estinzione di massa del pianeta (e forse abbiamo già iniziato a varcare tale soglia). Un cambiamento radicale è quindi divenuto necessario ed urgente. Serve una cura drastica, ma soprattutto serve una cura che ci appaia molto… “strana”. Non per il gusto di stupire, ma poiché, come sostenne una volta Albert Einstein: “Non si può risolvere un problema con la stessa mentalità che l'ha generato”. Tentativi di riformare, regolarizzare ed addomesticare l’attuale economia monetaria e finanziaria, oltre che tardivi, al momento, risulterebbero probabilmente vani e persino controproducenti. È più probabile, infatti, che i grandi capitali, grazie al loro strapotere, addomestichino facilmente qualsiasi tentativo di riforma, piuttosto che il contrario.

Ci serve disperatamente un’opzione sufficientemente radicale e “strana”, ma quale?

La più ovvia e razionale è l’abbandono completo (e sufficientemente repentino) dell’uso del denaro, del debito e degli scambi commerciali. L’intera economia monetaria andrebbe sostituita da una più pratica e realistica economia basata sulle risorse. Le risorse (naturali e non) sono l'unica vera ricchezza materiale. La loro monetizzazione al contrario, per quanto importante all'interno dell'attuale paradigma, è solo un'astrazione mentale funzionale alla ripartizione della ricchezza globalmente presente sul pianeta. La moneta da accesso alla ricchezza materiale, non è la ricchezza materiale, né la può creare “magicamente dal nulla”.

CONTINUA SU "EFFETTO RISORSE" dove trovate anche tutti i link

Breaking News: La Cina firma contratto per forniture di Gas Russo per 30 anni


E se solo jeri vi mostravo come su Bloomberg facevano gli spiritosi sul fatto che erano 10 anni che non andava in porto ...

Bloomberg - Russia Signs China Gas Deal After Decade of Talks
By Elena Mazneva and Stepan Kravchenko May 21, 2014

l'articolo ora in evidenza di Tyler: 

Zero Hedge -  Russia And China Finally Sign Historic $400 Billion "Holy Grail" Gas Deal
Submitted by Tyler Durden on 05/21/2014

beh... saranno "solo" 13 miliardi di dollari (equivalenti) l'anno, ma coe si dice, ecco un altro chiodino sulla bara del Dollaro come valuta di riserva globale e un altro passo nell'emersione di un asse eurasiatico fra i due più grossi BRIC.

In italiano: 

Il Fatto Quotidiano - Gas, la Russia e la Cina firmano accordo per fornitura: valore 400 miliardi
Un memorandum per una fornitura trentennale di Mosca per Pechino è stato siglato a Shanghai, presenti Putin e il presidente cinese Xi Jinping: si tratta di 38 miliardi di metri cubi di gas l’anno. L'ad di Gazprom Alexiei Miller: "Questo è il più grande contratto di Gazprom. Nessuna compagnia ha mai firmato un contratto del genere"
21 maggio 2014 

Caught On Camera: Fiamme a Fukushima?

Dopo più di tre - 3 dicesi 3 - anni dal disastro alla centrale nucleare di Fukushima (era l'11 marzo del 2011) ... ancora la situazione è così sotto controllo che le radiazioni riversate a mare sono ai massimi di sempre e la centrale riprende a fiammeggiare nella notte? 

Caught On Camera: Fire At Fukushima?
Submitted by Tyler Durden on 05/20/2014 

Il video che segue comprime in 3 minuti quello che in realtà è stato ripreso dalle telecamere della Tepco (Tokio Electric Power Company) in un'ora, fra le 8:00 e le 9:00 di jeri sera: 




.. non vediamo l'ora di sentire la spiegazione che sicuramente la Company avrà a quest'ora già preconfezionato. Nooo, nessuna radiazione gamma extra, tranquilli ...

martedì 20 maggio 2014

Durden: La Cina firma un accordo commerciale con una delle più grandi banche russe, VTB, per pagamenti Non-Dollar

Ottimo "Bosque Primario", mi ha battuto sul tempo nel tradurre questo post di Tyler .. grazie!

Continua, passin-passetto, la lunga marcia per abbandonare il dollaro come base dei commerci mondiali che va avanti dal 1944 ... 

Submitted by Tyler Durden on 05/20/201, traduzione di Bosque Primario di Come Don Chisciotte

Lentamente - ma inesorabilmente - l'egemonia del DOLLARO si sta incrinando, sia per le gaffe in politica estera, che per le troppe linee-rosse oltrapassate, sia per la fragilità economica. Tuttavia, già il 1° giorno di Vladimir Putin in Cina, appare chiaro quanto le due nazioni siano più vicine che mai. La VTB - una delle più grandi Banche russe - ha firmato un accordo con la Bank of China per chiarire i pagamenti tra i due paesi nelle rispettive valute nazionali, senza dover più ricorrere ai Dollari USA per "investimenti bancari, prestiti interbancari, operazioni finanziarie e operazioni sul mercato dei capitali". Kirill Dmitriyev, il Capo del Fondo per gli Investimenti Diretti Russi ha dicharato "insieme sarà possibile discutere di investimenti in vari progetti in modo più efficiente e più chiaro", così la locomotiva russa continuerà la sua corsa in Asia.

Come annuncia RT, Il primo giorno di Putin è andato bene ...

La VTB, la seconda banca russa, ha firmato un accordo con la Bank of China, che prevede una clausola per il pagamento dei debiti reciproci nelle rispettive monete nazionali.

Con questo accordo, le banche si ripromettono di sviluppare un partnariato in molte aree commerciali, inclusa la cooperazione con pagamenti in Rubli e Yuan Renminbi, negli investimenti bancari, nei prestiti inter-bancari, nella finanza commerciale e nelle transazioni sui mercati di capitali” - questa la dichiarazione ufficiale della VTB.

L'accorso sottolinea inoltre l'interesse del VTB Group ad una sua crescita sui mercati asiatici e servirà a rinforzare l'intersacambio commerciale tra Russia e Cina che già sono partner commerciali molto vicini, come ha dichiarato Vasily Titov, membro del CDA della VTB Bank.

Ma non si tratta solo dell relazioni interbancarie...

Nel primo giorno di un viaggio di due giorni in Cina il Presidente russo Vladimir Putin ha detto che i due paesi daranno un impulso ai loro commerci bilaterali fino a raggingere un nuovo livello.

I nostri paesi hanno fatto un lavoro enorme per raggiungere un nuovo tragurdo storico … la Cina si è fermamente attestata nella sua posizione di nostro partner commerciale chiave” ha detto Putin che ha aggiunto che il giro di affari tra Russia e Cina è aumentato di almeno il 2% durante il 2013, arrivando a circa 90 miliardi di dollari.

Se continuiamo a questo ritmo, il livello del commercio bilaterale arriverà a $100 miliardi per il 2015 e noi siamo sicuri di andare in questa direzione” ha detto Putin.

Un aumento della cooperazione è cruciale per gli investimenti, ha aggiunto Putin.

Insieme c'è la possibilità di discutere di investimenti su vari progetti più efficientemente e più chiaramente” come si legge sull'Interfax di Kirill Dmitriyev, Capo del Fondo Investimenti Diretti russi.
---

su Bloomberg invece, nello stesso momento, tirano fuori Mao e Stalin ...


China, which relied on Soviet aid during the era of Joseph Stalin and Mao Zedong, has turned the tables as Russian President Vladimir Putin visits Shanghai.

The Russian leader starts a two-day visit to China today, seeking to complete an agreement on natural gas supplies to the world’s second-largest economy, held up for more than a decade because of a debate over the price. The contract is “nearly finalized,” Putin told Chinese media in an interview published yesterday.

Putin is looking to cement ties with China as the conflict in Ukraine alienates him from the U.S. and its European allies. The relationship with China, Russia’s biggest trading partner after the two-way volume surged sevenfold in the past decade to $94 billion last year, is becoming even more important as escalating sanctions threaten to tip the economy into recession.

... e non dicono niente sull'accordo bancario di cui al post di ZH, in compenso dicono che è fallito anche stavolta l'accordo da 400 mld sul gas:


The presidents of China and Russia failed to sign a $400 billion gas supply deal at a meeting yesterday in Shanghai, prolonging negotiations that started more than 10 years ago. ...

Coccodrilli d'acqua salata della Perth Mint

Sono da un pajo di settimane in commercio queste nuove monete bullion d'argento puro al 99,9%, monete che danno l'avvio ad una nuova serie della zecca australiana, non s'è capito se con un design diverso ogni anno o solo il millesimo (l'anno) che cambierà:

2014-Australian-Saltwater-Crocodile-1oz-Silver-Bullion-Coin-Obverse-L2014-Australian-Saltwater-Crocodile-1oz-Silver-Bullion-Coin-Reverse-L


La Cina firma un accordo commerciale con una delle più grandi banche russe, VTB, per pagamenti Non-Dollar

Zero Hedge - China Signs Non-Dollar Settlement Deal With Russia's Largest Bank
Submitted by Tyler Durden on 05/20/201, traduzione di Bosque Primario di Come Don Chisciotte

Lentamente - ma inesorabilmente - l'egemonia del DOLLARO si sta incrinando, sia per le gaffe in politica estera, che per le troppe linee-rosse oltrapassate, sia per la ragilità economica. Tuttavia, già il 1° giorno di Vladimir Putin in Cina, appare chiaro quanto le due nazioni siano più vicine che mai. La VTB - una delle più grandi Banche russe - ha firmato un accordo con la Bank of China per chiarire i pagamenti tra i due paesi nelle rispettive valute nazionali, senza dover più ricorrere ai Dollari USA per "investmenti bancari, prestiti interbancari, operazioni finanziarie e operazioni sul mercato dei capitali". Kirill Dmitriyev, il Capo del Fondo per gli Investimenti Diretti Russi ha dicharato "insieme sarà possibile discutere di investimenti in vari progetti in modo più efficiente e più chiaro", così la locomotiva russa continuerà la sua corsa in Asia.

Come annuncia RT, Il primo giorno di Putin è andato bene ...

Chi si è preso il lavoro della classe media americana?


Bellomo: Cade il limite per le banche centrali europee alle vendite di oro delle proprie riserve

Interessante news quella che ci segnala la Bellomo sul Sole. Non so se ci sia da gridare al lupo ma certo, detta così, non ispira proprio sicurezza e dati i tempi e i tanti personaggi naif che non sapendo di che parlano se ne escono con dei "e se vendessimo un po' del nostro oro per pagare i debiti?" ...

Di Sissi Bellomo, 20 maggio 2014

Con le vendite di riserve auree ormai da anni prosciugate, erano in molti a ritenere che fosse diventato superfluo. Ma il Central Bank Gold Agreement (CBGA) non verrà meno. Le banche centrali europee hanno deciso di rinnovarlo fino al 2019, sia pure con una differenza non trascurabile rispetto al passato: stavolta non viene imposto alcun tetto alle vendite di oro dai forzieri ufficiali.

La quarta edizione del Central Bank Gold Agreement (CBGA), in vigore per 5 anni a partire dal 27 settembre, ha lasciato perplesso qualche analista. «È un rinnovo senza rinnovo – ironizza Matthew Turner di Macquarie – Senza limiti alle vendite non ha molto senso».

.... leggi tutto sul Sole (cliccando il titolo in blu qui sopra). Qualche altra info la trovate cliccando l'etichetta/tag qui sotto "CGBA", in particolare vi ricordo questa lunga analisi di Eric Sprott:

mercoledì 31 luglio 2013

Bagnai: Quelli che "se usciamo dall'euro ci sarà la corsa agli sportelli"

Vi segnalo un imperdibile, breve e incisivo post di Bagnai riportato dagli ottimi selezionatori di articoli di Come Don Chisciotte a cui rimando per i link nell'articolo.

di Alberto Bagnai | 19 maggio 2014

Siamo al redde rationem.

Mentre gli oligarchi, quelli per i quali i suicidi provocati dalla crisi sono “l’emersione di una contraddizione tale da aprire la strada a un progetto costituente europeo”, se ne stanno ben rinchiusi e defilati nei loro bunker, nelle strade, casa per casa, lotta un’improbabile armata Brancaleone di bambini soldato, mandati allo sbaraglio con argomenti tanto insulsi quanto terroristici. Fra questi, come spesso accade, il più convincente ad occhi inesperti è anche il più ridicolo agli occhi del professionista. Ma se il pubblico non coglie immediatamente il ridicolo, la colpa non è certo sua: la colpa è di un sistema dell’informazione volto da trent’anni a distorcere i più elementari fatti economici. Per ripristinare un minimo di buon senso, però, basta poco, come spero di chiarirvi se avrete la pazienza di leggermi.

Dunque: li avete mai sentiti quelli che raccontano che se si uscisse la nuova lira si svaluterebbe, e quindi, nell’imminenza di questa prospettiva, ci sarebbe una fuga di capitali all’estero, preceduta da una corsa agli sportelli (che gli espertoni chiamano bank run)? La conclusione dei nostri economisti improvvisati è che privando di liquidità il sistema economico italiano, questo fenomeno condurrebbe rapidamente l’Italia al collasso.

Ora, questo argomento è infondato per un semplice motivo: chi aveva soldi da portare all’estero lo ha già fatto, e ha fatto bene, per il semplice fatto che l’euro a 1.37 (diciamo 1.4, arrotondando) sul dollaro è troppo alto, come anche Prodi autorevolmente ci ha ricordato, il che apre la strada a due soluzioni: o l’euro si svaluta, o crolla sotto il proprio pesoLa perdita da svalutazione quindi, da qui ai prossimi due anni, ci dovrà essere in ogni caso

Anch’io, che di soldi ne ho pochi, li ho portati all’estero, [notizia! Alleluja, era da mo che me lo domandavo che ci faceva lui coi suoi risparmi. Er] in modo del tutto legale, investendoli in un fondo dove ho pesato opportunamente dollaro e mercati emergenti, evitando l’Europa (il che non significa escluderla, perché non si devono mai mettere tutte le uova in un solo paniere, ed è sempre bene comprare “basso” per vendere “alto”). Punto. Chi ha senno fa così e lo ha già fatto (come credo abbiano fatto tutti quelli che mi leggono), perché non ha comunque senso investire in un continente che si sta suicidando e va da un rimbalzo del gatto morto al successivo. Se ti vuoi proteggere da una svalutazione, devi investire nella valuta rispetto alla quale sei rivalutato (cioè il dollaro) e se vuoi rendimenti devi investire in economie che crescono (Usa e emergenti). [apro una parente, come diceva Grucho di Dylan Dog: aver comprato e comprare argento ora non è un po' fare la stessa cosa e cioè approfittare dell'ipervalutazione dell'euro? Er]

La morale della favola è che agli intervistatori che con aria sapiente (“Eh, ora ti metto io in difficoltà!”) mi chiedono: “Ma lei cosa farebbe?”, io rispondo: “Niente, perché ho già fatto quello che c’è da fare. Lei no? Mi dispiace.”

Dirò di più. Il rischio di svalutazione drastica, e in generale il “rischio paese” dell’Europa, è molto più remoto in caso di dissoluzione che in caso di mantenimento dell’euro. Paradosso? No, logica. 

Il nostro principale concorrente è e resta la Germania. Ora, se noi ci sganciamo da lei, solo un fesso patentato può pensare che la Bundesbank lasci cadere la nuova lira del 20% in una notte, non solo perché non è mai successo, ma anche perché far cadere del 20% la nuova lira significa alzare del 20% l’asticella della Germania, che ora è per lei convenientemente bassa, come affermano tedeschi tanto diversi quanto Hans-Olaf Henkel e Ska Keller. Germania e Italia hanno una struttura di vantaggi comparati molto simile e competono sugli stessi mercati terzi. Se noi ci sganciassimo dall’euro, sarebbe interesse della Germania non calcare troppo la mano e sostenere il nostro cambio, per non perdere importanti quote di mercato. 

D’altra parte, stando dentro lo “stabile” euro, ci è già successo di sperimentare svalutazioni contro dollaro del 20% pressoché istantanee. Guardate un po’ cos’è successo nel 2008, ad esempio:


Qualcuno ricorda fughe agli sportelli, inflazione al 20%, e altre amenità simili? I problemi erano, e sono, ben altri.

Mi preme anche farvi notare che se l’euro non scompare, l’unico modo per “risanare” le finanze pubbliche, devastate dal proprio generoso quanto vano tentativo di salvare la finanza privata, sarà quello di “ristrutturare” il debito pubblico. Gentile eufemismo per il più esplicito: dare il pacco ai creditori. Ora: con un haircut poniamo del 20% il creditore da un giorno all’altro si vede restituire il 20% in meno, ma il debitore non riallinea il proprio cambio e quindi, non recuperando competitività, non riesce nemmeno a restituire il restante 80% (è più o meno quello che sta succedendo in Grecia, se avete presente). Con una svalutazione del 20%, il creditore vede sì il 20% in meno, ma il debitore recupera competitività, cresce, e il restante 80% è in grado di restituirlo. Questa è logica. Dentro l’euro quindi c’è più rischio, per i creditori (buon motivo per sottopesare l’Eurozona nei portafogli). 

E allora perché tutti lo difendono? Ma è semplice: perché il Nord, come da prassi, vuole stravincere. I creditori del Nord sanno che il 20% (o più) è comunque perso, in un modo o nell’altro, ma elaborare questo lutto diventa più facile se pensi che comunque sei riuscito a mantenere i tuoi debitori in una posizione di inferiorità competitiva (impedendo alla tua valuta di rivalutarsi).

Giova ricordare che sarà anche vero che noi italiani ultimamente non abbiamo vinto nessuna guerra, ma i tedeschi in compenso le hanno perse tutte. La storia si sta ripetendo.

Permettetemi di concludere con la madre di tutte le dilettantesche scemenze: l’idea spesso espressa da economisti improvvisati secondo cui la famosa svalutazione del 50% (che non sarebbe tale perché i partner lo impedirebbero, come ho detto sopra) abbatterebbe del 50% in una notte (che non sarebbe una notte perché i riallineamenti anche ampi normalmente prendono almeno un anno) i nostri risparmi.

Scusate, ma i risparmi a cosa servono? In sintesi, a tirare a campare quando si smette di lavorare, no? Ora, io mi chiedo: ma voi, che oggi fate la spesa sotto casa, a 65 anni prenderete ogni giorno l’aereo per farla a Manhattan? Così, per sapere… I cialtroni terroristi sistematicamente confondono il valore esterno della moneta (il suo tasso di cambio) con quello interno (il suo potere di acquisto)

Se l’euro si svalutasse del 50%, significherebbe (a spanna) che un dollaro costerebbe del 50% in più. Ma voi il latte sotto casa lo comprate in dollari? L’obiezione (ridicola) è: “Ma le materie prime si comprano in dollari!”. Ma ragazzi: il costo delle materie prime è solo una parte del costo finale del prodotto, le strategie di prezzo delle imprese sono orientate a comprimere i margini in caso di svalutazione per evitare di perdere quote di mercato, ecc. ecc. 

La morale della favola è che gli studi più recenti ci dicono che nei paesi europei una svalutazione si trasferisce sull’indice dei prezzi al consumo per circa il 23% nel lungo periodo. Quindi anche una svalutazione del 50%, del tutto improbabile, farebbe aumentare l’indice dei prezzi al consumo al massimo del 0.5×0.23=11.5% distribuito su più di un anno. Il che significa, in buona sostanza, che anche in questo scenario catastrofico l’incremento del tasso di inflazione su base annua sarebbe al massimo di 6 punti, sempre nell’ipotesi che il governo non attui contromisure, come, ad esempio, ridurre le accise sulla benzina messe da Monti, guarda un po’, per difendere l’euro. 

Se invece la svalutazione fosse di un più realistico 20%, come fra 1992 e 1993, l’impatto sull’inflazione in base annua sarebbe di due punti, [solo del 2%!?]. Proprio quei due punti in più di inflazione che il buon Stefano Fassina chiede alla BCE di provocare… per difendere l’euro!

Ehi, amici, come devo dirvelo? Se tanto svaluteremo dentro o fuori dall’euro, se per difendere l’euro sarebbe opportuno che la BCE provocasse un’inflazione analoga a quella che ci aspetta se ne usciamo, e se per difendere l’euro dobbiamo mettere nuove imposte sulla casa e nuove accise (e in Italia un’accisa è per sempre), mi spiegate a cosa ci serve restare dentro l’euro? A sentirci bravi come i tedeschi? Se avete un complesso di inferiorità parlatene con uno psicanalista: farete felici il vostro (o la vostra) partner. Un economista, se non è un cialtrone, non vi dirà niente di diverso da quanto trovate scritto qui.

Alberto Bagnai

lunedì 19 maggio 2014

Durden: I mercati puniscono la Russia ... o tutti i Mercati Emergenti?

Submitted by Tyler Durden on 05/18/2014

Molto è stato detto ultimamente sui “costi” imposti alla Russia dall’Occidente, grazie alla sanzioni … e come queste hanno schiacciato l’economia, fatto ruzzolare il Rublo e creato colossali flussi in uscita (anche se alla fine il mercato russo ha sovra-performato quello USA da quando sono state attuate le sanzioni).

Però secondo questa propaganda da parte di Obama e chi lo segue che vorrebbe far credere al mondo che le sue sanzioni sono efficaci è semplicemente falsa. Come mostrano i grafici seguenti i flussi in uscita sono iniziati considerevolmente prima e sono molto più seri per il resto dei “Mercati Emergenti” … e come ha notato Constantin Gurdgiev la Russia ha visto recentemente un aumento dei flussi in entrata in realtà …

Il “Mercato” non pare che stia punendo la Russia …


Ma in realtà è tutta una questione di flussi in uscita … dal True Economics blog:


… anche se su tutto si può discutere, c’è una cosa che dal mio punto di vista è interessante (e non è coperta dal pdf della BBVA): i flussi in entrata in Russia.

Abbiamo sentito parlare di supposta punizione da parte dei mercati e fuga di capitali da parte degli investitori dalla Russia. E sicuramente qualcosa c’è stato.. solo che la teoria che questi flussi in uscita siano legati al cattivo comportamento da parte del Kremlino in Ucraina è un po’ … come dire … un po’ tirata?

Ok, diamo un’occhiata ai flussi netti di capitali negli EM: gli Emerging Markets sono di un buon 14% sotto la linea di trend – coi grossi flussi in uscita che sono cominciati col "tapering" - la riduzione della quantità di denaro stampata ogni mese dalla Banca Centrale USA -  da parte della Fed, qualcosa che non ha nulla a che fare con l’Ucraina:




E l’Asia in particolare è messa anche peggio dei Mercati Emergenti in generale … e direi che l’Asia ha poco a che fare con l’Ucraina e piuttosto molto a che fare con la Fed.

Eppure la Russia è giù … 24% sotto la linea di trend disegnata dalla BBVA.



E indovina: il declino è iniziato col tapering e ben prima dello scoppio della questione Ucraina ed ha accelerato allo stesso modo per tutto il resto degli EM.

Peggio, guardate cos’è successo al Brasile:


Il “problema del Brasile con l’Ucraina” è iniziato prima che per il resto degli EM ma ha accelerato allo stesso modo in concomitanza col tapering della Fed.

E l’Indonesia? Sentito parlare dell’Indonesia? Pare che anche lei sia in Guerra in Ucraina:



Quindi che dire della teoria che è stata fatta passare secondo la quale la Russia è stata punita dagli investitori per via della questione Ucraina?